Edificio Ecosostenibile tesina

Tesina di maturità per liceo scientifico sull'edificio ecosostenibile. Argomenti tesina di maturità: tecnologie attive e passive, l'utilizzo di autocad, mastercard.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 22
  • 01-07-2013
E io lo dico a Skuola.net
Sintesi Edificio Ecosostenibile tesina

L'obiettivo della tesina di maturità è quello di analizzare un tipo di edificio definito come edificio ecosostenibile. La nozione di sviluppo sostenibile venne per la prima volta affrontata nel 1987, nel momento in cui il presidente della commissione mondiale dell’ONU per lo sviluppo e l’ambiente (WCED) Gro Harlem Brundland pubblicò un rapporto sul futuro del nostro pianeta: “Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo in grado di garantire il soddisfacimento dei bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri”. Nonostante lo sviluppo economico e l’industrializzazione abbiano migliorato le condizioni di vita di una parte della popolazione mondiale, hanno anche generato nuovi tipi di rischi: l’emissione di sostanze di scarto dalle industrie e dai mezzi di trasporto, l’accumulo di rifiuti tossici e la difficoltà nel loro smaltimento, la deforestazione, l’aumento di anidride carbonica dovuto allo sfruttamento di combustibili fossili come il gas naturale, il carbone e il petrolio, l’effetto serra, le piogge acide, l’inquinamento elettromagnetico, luminoso ed acustico.
Tenendo conto che solo il settore dell’edilizia è responsabile del 40% di tutto l’inquinamento mondiale, diventa estremamente importante comprendere come operare per ridurre al minimo i rifiuti da costruzione, per diminuire le emissioni di gas inquinanti e per migliorare l’efficienza energetica (e con essa le bollette!) e conseguentemente anche la vita delle persone.
Attraverso lo studio delle tecniche costruttive attive, frutto dell’evoluzione tecnologica, e delle tecnologie passive, che spesso non sono altro che una rivisitazione delle soluzioni passate, possiamo comprendere quali siano i contorni dell’edilizia green o ecosostenibile dai cui precetti non si può più prescindere nella costruzione edilizia. Oggi, attraverso una rivisitazione di esempi mirabili del passato come le torri del vento sviluppate soprattutto in Iran, o la città romana ed il suo intreccio di canali sotterranei per il riscaldamento delle acque, è opinione sempre più crescente che un edificio non vada considerato come un involucro anonimo, asettico, indipendente dalle condizioni esterne al quale si sovrappongonodurante la sua costruzione gli impianti, elettrici e termici, ma vada progettato fin dalle fondamenta come un tutt’uno con ciò che lo circonda, in poche parole un ambiente nell’ambiente. Karl E. Lotz, uno dei principali fondatori dell’architettura ecosostenibile, così ha scritto nel 20071: “la casa è la terza pelle dell’uomo ed abitare una casa ecologica migliora la qualità della nostra vita e diminuisce l’impatto dell’uomo sull’ambiente”.
Risulta molto importante quindi durante la progettazione tener conto di alcuni fattori che contribuiscono a migliorare sia l’efficienza energetica sia il livello di ecosostenibilità e di integrazione ambientale: 1) La scelta della posizione dell’edificio, compiuta in base a parametri bioclimatici come l’insolazione, l’andamento delle precipitazioni, la ventosità, l’analisi idrogeologica grazie alla quale si possono ottenere informazioni sulle caratteristiche specifiche del sito come l’umidità o la presenza di gas nocivi; 2) l’orientamento dell’edificio definito in base all’angolo azimutale (γ), cioè l’angolazione di una facciata rispetto a Sud. Per procurare all’edificio il massimo apporto di energia solare, luminosa e termica alle nostre latitudini è consigliabile porre l’angolo azimutale γ=0°, così facendo si ottiene il massimo apporto energetico nelle facciate orientate a Sud durante l’inverno e a riscaldare anche gli altri ambienti abitativi; 3) L’uso di tecnologie e materiali sostenibili che possono definirsi tali solo se rispondono a specifici requisiti come la durata, cioè la stabilità, la resistenza all’usura e tempi lunghi tra un intervento di manutenzione e l’altro, l’economicità che deve essere misurata in termini non di prezzo d’acquisto ma in relazione alle performance e alla durata, e la riciclabilità degli elementi che in caso di smantellamento devono essere facilmente riutilizzati o rilavorati; 4) Il rapporto tra i costi ed i benefici in tutte le operazioni di realizzazione dell’edificio che simisura con il valore dell’embodied energy, cioè l’energia necessaria per ottenere il prodotto finale a partire dalla materia prima (embodied energy iniziale indiretta), inclusi il trasporto, la messa in opera (embodied energy iniziale diretta) e la manutenzione del prodotto (embodied energy ricorrente). Più è basso il valore di tale energia, più sarà alto il valore della sostenibilità ambientale dell’edificio. In sintesi la seguente tesina ha come obiettivo quello di descrivere la costruzione di un edificio ecosostenibile, effettuando dei collegamenti ad altre discipline di studio.
Collegamenti
Edificio Ecosostenibile tesina

Fisica e Matematica - Tecnologie attive e passive applicabili ad un edificio.
Filosofia - Hans Jonas, Il principio di responsabilità.
Informatica - Utilizzo di AutoCad, MasterCad, Photoshop.
Registrati via email
In evidenza