Genius 13370 punti

La narrazione umoristica


Il meccanismo della risata

Talvolta una scena di vita, una vignetta ,una barzelletta, un film, un racconto, un cartone animato o un fumetto hanno il potere di farci ridere: perché?. Quali pulsanti azionano il meccanismo della risata?
La risposta più semplice è: ci fa ridere ciò che e fuori della norma, imprevedibile, a patto che, secondo il nostro modo di pensare, sia anche buffo, divertente.
L'umorismo (termine derivato dall'inglese Nana e che indica la capacita di cogliere gli aspetti divertenti della realtà) e relativo alla mentalità, al contesto culturale e sociale di ciascuno: ciò che fa ridere da bambini di solito non fa ridere da adulti, ciò che divertiva i nostri nonni può non divertire noi, quanto è ridicolo per un esquimese ben difficilmente lo sarà per un aborigeno australiano!

Elementi comici del testo narrativo

Individuiamo gli elementi che, generalmente, producono un effetto comico:
• presenza di personaggi la cui descrizione risulta di per sé comica per il modo di essere e di comportarsi (di solito nel personaggio comico vengono portati all'esagerazione i difetti, cosi da ottenerne una deformazione in senso caricaturale);
• presenza di equivoci (una persona viene scambiata per un'altra o una situazione non è quella che sembra);
• presenza di una situazioni insolita rispetto agii schemi e ai modi di essere abituali (per esempio, un neonato che fuma la pipa …!)
• realizzazione di uno scherzo;
• finale a sorpresa che ribalta la situatone rendendola paradossale.
• atteggiamento ironico o sarcastico dell'autore nei confronti dei personaggi o della vicenda che intende raccontare.
La comicità di una narrazione pio scaturire anche dalla tecnica narrativa, ad esempio :
• scarto tra contenuto e registro narrativo (per esempio, un fatto insignificante carne il trovarsi in coda ad uno sportello raccontato con stile epico e con temimi altisonanti);
• uso di un linguaggio gergale o popolaresco particolarmente colorito ed espressivo;
• ricorso a giochi di parole.,equivoci linguistici, espressioni iperboliche,cioè esagerate.

Solo per ridere?

Non sempre lo scopo di una narrazione umoristica e semplicemente quello di provocare la risata.
l'autore può far ricorso a questo genere per spingere a lettore a riflettere su certe debolezze o manie degli esseri umani, oppure per porre in risalto e denunciare ingiustizie e contraddizioni della società.
Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Metti mi piace per copiare
Sono già fan
oppure registrati
Consigliato per te
Maturità 2018: come si fa il saggio breve? La guida completa