Scheduling del disco

Il tempo di accesso ad un cluster di memoria specifico può essere suddiviso nella frazione di tempo che la testina impiega (spostandosi lungo il raggio del disco magnetico) per raggiungere la traccia in cui si trova il blocco ricercato, nel trovare la traccia e nella frazione di tempo impiegata durante la rotazione del disco per posizionare il settore o il cluster richiesto sotto la testina. Tale tempo viene denominato latenza di rotazione. Il tempo di accesso al cluster viene invece detto tempo di ricerca. Il tempo di ricerca del cluster dipende dal tipo di algoritmo utilizzato; l’algoritmo di scheduling più utilizzato è l’algoritmo FCFS (First Come First Served - Primo in ingresso primo servito).
Un altro algoritmo utilizzato è SSTF (Shortest Seek Time First - Più veloce da cercare primo servito) che seleziona la richiesta in base al tempo più breve di ricerca della testina.
Un altro algoritmo è denominato SCAN (scansione), che prevede la scansione del disco da un’estremità all’altra in un’unica dimensione: durante il percorso stabilito in una direzione, quando arriva alla posizione estrema, percorre in maniera inversa il disco, senza effettuare operazioni. Una sua variante è l’algoritmo scan circolare (C-SCAN), il quale durante il percorso stabilito in una direzione, quando arriva alla posizione estrema, percorre in maniera inversa il disco, continuando la ricerca.

Hai bisogno di aiuto in Informatica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email