Ominide 11268 punti

Venezuela

Il Venezuela si affaccia sull’Oceano Atlantico. Nella parte nord-occidentale del Paese si innalzano le ultime propaggini della Catena Andina che racchiudono il Lago di Maracaibo, mentre a sud-est è situato il Massiccio della Guyana. La parte centrale della Nazione è occupata da una vasta pianura alluvionale attraversata dall’Orinoco, che riceve le acque di numerosi affluenti. Il clima è tropicale a nord e al centro, con precipitazioni stagionali ed equatoriali al sud. L’agricoltura venezuelana che risente di profondi condizionamenti fisici (inondazioni e siccità) e sociali (diffusione del latifondo e scarsa meccanizzazione), produce soprattutto mais, riso e patate. Fra le colture di piantagione, prevalgono quelle del caffè, della canna da zucchero, del cacao e della frutta tropicale. Ricco anche il patrimonio zootecnico. Fra le risorse del sottosuolo spicca il petrolio. Di cui il Paese è uno dei massimi produttori mondiali, La presenza di ricchi giacimenti di petrolio ha consentito lo sviluppo di un’industria petrolifera e chimica. Nel paese sono presenti anche industrie tessili e manifatturiere del tabacco.

Sao Tomè e Principe

Nel golfo di Guinea sorgono le isole Sao Tomè e Principe, il cui territorio muntuoso e vulcanico, appare quasi del tutto ricoperto da foreste e piantagioni. Le coste, alte e rocciose, riservano pochi porti naturali. Il clima , tropicale-umido, è caratterizzato da una accentuata piovosità e da temperature molto elevate. L’eseguità dei due territori preclude l’insediamento di impianti industriali; la popolazione perciò ha potenziato i metodi e l’organizzazione del lavoro agricolo, che produce ed esporta caffè, olio e noci di palma, ma soprattutto cacao, di cui l’isola di Tomè è la quinta produttrice africana. Il manto forestale rende inoltre disponibili discrete quantità di legname pregiato.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove