Ominide 11266 punti

Monza, città in continua trasformazione

Monza è un esempio tipico di trasformazione profonda di un'antica città, carica di storia e monumenti insigni, coinvolta e violentemente mutata dai meccanismi dello sviluppo. La città è interamente percorsa e bipartita dal Lambro, il fiume oggi ridotto ad elemento secondario, che ha per buona parte determinato la struttura storica e la configurazione per parti del nucleo.
Questo, trasformato e stravolto nel carattere degli edifici e dei luoghi, rimane tuttavia come la sola parte dotata di una forte riconoscibilità rispetto al tessuto della conurbazione. Insieme ad altri edifici significativi, racchiude nel proprio cuore e in posizione appartata un monumento di importanza straordinaria, il Duomo, nel quale si concentra gran parte della storia della città. L’altro fatto essenziale e caratterizzante è lo svilupparsi verso Nord del parco che gravita sulla Villa Reale. Su questa bipolarità di città e natura, la città industriale si sviluppa a lato, con la forza prepotente dei grandi mutamenti, ma senza intaccare questo intatto dualismo di forme il parco rimane tuttavia come grande spazio libero cintato, evidente ed inespressa potenzialità che Monza tuttora possiede. Nei decenni tra 1700 e 1800 è il perimetro della città e il collegamento con l’esterno ad essere modificato, sia in senso funzionale che formale. La trasformazione industriale di Monza è preceduta e assecondata da una profonda riorganizzazione del sistema delle comunicazioni e dei rapporti con Milano e con l’intero territorio. La città, rimasta sino allora contenuta entro le mura trecentesche, inizia a svilupparsi al di fuori di ogni controllo pubblico.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove