Eliminato 493 punti

Pressione del vapore saturo


Si definisce pressione di vapore saturo la pressione che un vapore può esercitare sulle pareti di un recipiente in cui è contenuto quando l’evaporazione del liquido da cui esso proviene smette di avvenire.
La pressione di vapore saturo è la massima pressione permessa per un vapore a una data temperatura; in questa situazione la sostanza in forma liquida è in equilibrio con il suo vapore indipendentemente dalla pressione dell’aria, in quanto le sue molecole non interagiscono con quelle del vapore.
Inoltre, la pressione di vapore saturo aumenta con l’aumentare della temperatura. Infatti, man mano che la temperatura cresce, le molecole acquistano un’energia cinetica più alta e hanno maggiore facilità a evaporare.

Pressione del vapore saturo ed ebollizione

La temperatura di ebollizione di un liquido è quella per cui la pressione di vapore saturo del liquido è uguale alla pressione atmosferica.
Figura 8 Una bolla di vapore con pressione insufficiente non può crescere di dimensioni.
Durante il riscaldamento, all’interno di un liquido si formano delle bollicine di vapore, che hanno pressione interna pari alla pressione del vapore saturo del liquido a quella temperatura. Per esempio, a 80 °C la pressione del vapore saturo dell’acqua nelle bollicine, per lo più invisibili, è uguale a 47,4 kPa, che è minore della pressione atmosferica di 101 kPa.
Quando la pressione di vapore saturo è uguale a quella esterna si ha l’ebollizione.
Fino a che la pressione all’interno delle bollicine è minore di quella atmosferica, queste non crescono e restano invisibili, oppure scompaiono. Quando la pressione interna raggiunge quella atmosferica, le bollicine possono crescere e risalire verso l’alto per la spinta di Archimede: avviene l’ebollizione. Questo meccanismo spiega come mai in montagna l’acqua bolle a una temperatura minore che al livello del mare: visto che la pressione atmosferica è minore di 101 kPa, la pressione di vapore saturo dell’acqua diventa
uguale alla pressione atmosferica esterna a una temperatura minore di 100 °C. Al contrario, in una pentola a pressione l’aria e il vapore d’acqua non possono
sfuggire e contribuiscono a creare una pressione piuttosto elevata: è comune arrivare al doppio di quella atmosferica normale. In questa condizione l’acqua bolle a 120 °C e la maggiore temperatura permette una cottura più rapida dei cibi.

Pressione del vapore saturo dell’acqua a diverse temperature
Temperatura (°C)

  • 0
    10
    20
    30
    40
    60
    80
    100
    150
    200
Pressione
del vapore saturo (kPa)
  • 0,6
    1,2
    2,3
    4,2
    7,4
    19,9
    47,4
    101,3
    476
    1555
Hai bisogno di aiuto in Termodinamica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove