sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-Francesco Bacone-

Francis Bacon, italianizzato ‘Francesco Bacone’, è stato un filosofo inglese, grande sostenitore della Scienza come mezzo per far progredire l’umanità.
Egli sosteneva che la mente di ogni essere umano era piena di finte verità e di superstizioni e che era compito della Scienza liberare la mente da queste falsità, poiché per Bacone la Scienza doveva essere un bene collettivo e non fine a se stessa, come era affermato da Aristotele.
Infatti secondo Bacone ogni uomo ha in se degli ‘idola’, ossia delle finte credenze che occupano la mente dell’uomo, il quale deve avere la capacità di liberarsene; in un suo scritto, egli distingue quattro tipi di Idola, gli Idoli della Tribù, della Caverna, del Mercato e del Teatro.
Bacone distinse due tipi differenti di Logica, una è valida solamente nel campo delle dispute, mentre l’altra, la Nuova Logica, è indispensabile all’uomo per comprendere la natura; questa nuova logica è basata sull’induzione e sull’interpretazione ed è condotta da delle Tavole, ossia dei precisi metodi.

Bacone istituì tre tipi di Tavole, la Tavola della Presenza, delle Assenze e delle Variazioni; queste tavole servono come metodo per classificare la natura.

Bacone affermava anche che la Magia era un sapere fantastico e superstizioso, che non aveva nulla a che fare con la Scienza vera e propria.

La Scienza doveva essere quel mezzo oggettivo universale in grado di portare beneficio al progredire dell’umanità, in modo che possano esserci sempre nuove arti o strumenti capaci di migliorare la vita dell’uomo.

Secondo Bacone la scienza doveva avere una grande importanza all’interno della comunità, ma lo scienziato doveva vivere separato dai cittadini comuni e dal potere politico, poiché le scoperte scientifiche dovevano essere tenute nascoste in parte, poiché il potere politico potrebbe farne uso per ottenere vantaggi.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email