Ominide 476 punti
Questo appunto contiene un allegato
Successioni Ereditarie scaricato 9 volte

Successioni ereditarie

Normativa essenziale

Con la successione per causa di morte i beni intestati al “de cuius” vengono trasferiti agli aventi diritto. La successione si apre al momento della morte, nel luogo dell’ultimo domicilio del defunto. Sono capaci di succedere tutti coloro che sono nati o concepiti al tempo dell’apertura della successione. L’accettazione è espressa quando, in atto pubblico o in scrittura privata, il chiamato all’eredità ha dichiarato di accettarla; è tacita quando il chiamato all’eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede.
L’eredità può essere accettata puramente e semplicemente o con beneficio d’inventario (consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell’erede).
Si può rinunciare all’eredità attraverso dichiarazione, ricevuta del notaio o dal cancelliere del Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione.

Esistono 3 tipi di successione:
1. Legittima: Avviene quando il de cuius non ha lasciato testamento o quando i chiamati al testamento rifiutano. Quindi l’asse ereditario viene trasferito agli eredi legittimi secondo il grado di parentela del de cuius. Essi sono:
• Coniuge superstite.
• Parenti (discendenti, ascendenti e collaterali, altri fino al 6° grado).
• Stato.
2. Testamentaria: Il testamento è un atto volontario e revocabile contenente le disposizioni del de cuius per l’attribuzione del patrimonio o parte di esso secondo quote da lui liberamente espresse (seguendo però i limiti della legge). Vi è sempre una quota di riserva (eredità agli eredi legittimi) ed una quota disponibile (la parte restante). Sono incapaci di testare:
• I minori di 18 anni.
• Gli interdetti per infermità mentale.
• Gli incapaci di intendere e volere.
Il testamento è nullo per difetto di forma quando manca la firma o altri difetti.
3. Necessaria: Si ricorre ad essa ogni volta che il de cuius abbia disposto dei propri beni mediante testamento o donazioni fatte in vita oltre i limiti della quota disponibile, sottraendo una parte di quota ai legittimari. Bisognerà dunque ridurre le quote agli altri rispetto a quelle legittime.
A titolo:
1. Universale: gli aventi diritto alla successione (eredi) subentrano nella totalità dei beni.
2. Particolare: gli aventi diritto (legatari) rientrano nella successione solo per alcuni beni che non vengono considerati nella quota dell’intero patrimonio.

La collazione

E’ un’operazione preliminare alla divisione e consiste nell’obbligo imposto a ciascun erede legittimo di conferire nella massa ereditaria da dividere i beni ricevuti in donazione del de cuius, salvo che il defunto non li abbia da ciò dispensati. Può essere fatta:
• Per imputazione: il donatario conserva il possesso dei beni che avrebbe dovuto conferire.
• In natura: se il donatario restituisce la donazione alla massa ereditaria.

La divisione

Il perito deve redigere un progetto di divisione; la divisione ereditaria segue queste fasi:
1. Individuazione degli aventi diritto.
2. Valutazione dei beni mobili ed immobili, dei debiti e dei crediti.
3. Riunione fittizia, per la formazione dell’asse ereditario.
4. Successione legittima o testamentaria che si svolgono a loro volta in 2 fasi:
• Formazione di quote di diritto: Successione legittima: il patrimonio viene assegnato ai legittimari secondo le quote e gli ordini stabiliti dalla legge. Successione testamentaria: una parte del patrimonio (quota disponibile) potrà essere assegnata dal testatore liberamente ad altri soggetti, mentre la parte restante (quota di riserva) dovrà essere assegnata ai legittimari.
• Formazione di quote di fatto: assegnare a ciascun erede una porzione dei diversi beni costituenti l’asse ereditario in proporzione alle quote di diritto. La stima deve essere fatta con riferimento alla data di apertura della successione. L’assegnazione è fatta attraverso estrazione a sorte.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email