Ominide 16920 punti

Come l'attività economica incide sull'ecosistema

Le attività economiche umane interferiscono con gli ecosistemi in due modi:
— da un lato c'è la produzione, per attivare la quale gli uomini estraggono risorse dall'ambiente, e che di converso dà luogo, come sottoprodotto, a scorie che vengono reimmesse nell'ambiente;
— dall'altro lato c'è, invece, il consumo (al quale le attività produttive sono finalizzate), che a sua volta, oltre a soddisfare i bisogni espressi dai consumatori, porta alla produzione di rifiuti o di emissioni nocive (il riscaldamento e la combustione dei veicoli, per esempio).
Gli scarti delle lavorazioni industriali e i rifiuti delle città concorrono nel degradare l'ambiente fisico e vivente. È chiaro allora che un primo ordine di fattori da considerare riguarda da un lato la crescita demografica e dall'altro il livello di reddito e consumo che caratterizzano il mondo moderno. Molti uomini che consumano (e quindi producono) in grande quantità danno luogo a un proporzionale incremento dell'inquinamento.
Oltre all'aspetto quantitativo del consumo, è però necessario considerare anche la qualità del consumo: le auto elettriche e i sacchetti di carta inquinano meno delle auto a benzina e dei sacchetti di plastica.
I due aspetti non interessano le varie parti del pianeta allo stesso modo: è il Sud del mondo che contribuisce all'esplosione demografica contemporanea, ma sono i paesi ricchi che consumano (e insegnano a consumare) molto e male.
Una parte rilevante delle responsabilità riguardo all'inquinamento è da attribuire non ai comportamenti dei consumatori ma a quelli dei produttori. Al di là delle scelte operate dai consumatori, la possibilità stessa di un elevato consumo è generata proprio dallo sviluppo della tecnologia che ha accompagnato la crescita economica dalla rivoluzione industriale in poi. Ed è l'attività produttiva che esaurisce le risorse, scarica sostanze inquinanti nelle acque e nell'atmosfera, modifica e distrugge l'habitat naturale.
Anche in questo caso, non importa soltanto il livello dell'attività produttiva ma anche il tipo di tecnologie utilizzate, che possono risultare più o meno aggressive nei confronti dell'ambiente (l'agricoltura può essere praticata anche senza usare il Ddt, e i detersivi venir prodotti senza fosforo).
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email