Elo1218 di Elo1218
Ominide 1489 punti

Attività bancaria e raccolta del risparmio


L’attività bancaria


L’attività bancaria consiste nella raccolta di risparmio tra il pubblico e nell’esercizio del credito. La banca svolge una funzione di intermediazione tra chi ha accumulato capitale e non sa come utilizzarlo, e chi ha necessità di denaro per effettuare investimenti.
Le banche, dalle loro attività, devono ricavare un utile, per questo motivo esercitano attività finanziaria come: cambi di valute estere, operazioni relative a titoli di credito (assegni), amministrazione di valori mobiliari. La banca può essere di due tipi: società per azioni e società cooperative per azioni a responsabilità limitata.
L’attività bancaria è vigilata dalla Banca d’Italia e dal CICR (Comitato interministeriale per il credito e il risparmio).


La raccolta del risparmio


Con la raccolta del risparmio la banca è debitrice nei confronti dei propri clienti e sui depositi paga un interesse stabilito che può variare in funzione del tempo di immobilizzo del capitale versato.
La raccolta globale di una banca è composta da:
Raccolta diretta: costituita dall’insieme dei fondi depositati dai clienti (assegni, conti correnti);
Raccolta indiretta: costituita dall’insieme di titoli di credito affidati alla banca per custodia o amministrazione;
Raccolta interbancaria: costituita dall’insieme di fondi acquistati da altre banche.

Il deposito in conto corrente


Per conto corrente bancario si intende un deposito regolato da un sistema di contabilità costituito da un prospetto di dare e avere; il prelievo può essere effettuato con assegni bancari o con tessera elettronica. La banca accetta anche versamenti ed effettua pagamenti a terzi per conto del cliente nel limiti dei suoi servizi di cassa.

Il deposito a risparmio


Il deposito a risparmio (o su libretto) avviene mediante versamenti effettuati in contanti allo sportello della banca, allo stesso modo vengono effettuati i prelievi. Con questo tipo di deposito non si possono effettuare prelievi con assegni bancari o con tessera elettronica e il cliente non preleva di frequente.

Certificati di deposito


I certificati di deposito sono titoli di credito emessi dalle banche per ottenere finanziamenti; la loro durata va da 18 a 60 mesi. Per questi certificati il calcolo dell’interesse può essere: a tasso fisso (gli interessi sono pagati a scadenza semestrale o annuale), a tasso fisso zero coupon (gli interessi vengono capitalizzati alla scadenza), e al tasso indicizzato (sono calcolati con tasso variabile e pagati a scadenza semestrale o annuale).

Obbligazioni


Le obbligazioni bancarie sono titoli di credito emessi dalla banca aventi durata minima di tre anni; la facoltà di rimborso da parte della banca può essere esercitata solo dopo 18 mesi dal giorno dell’emissione. A differenza dei certificati di deposito le obbligazioni hanno durata maggiore del prestito e possono vendere il titolo sul mercato mobiliare.

Cambiali e assegni


Le cambiali finanziarie sono titoli di credito all’ordine emessi in serie aventi una scadenza tra i tre e i dodici mesi dall’emissione.
L’assegno circolare viene emesso dalla banca in seguito al versamento del relativo importo; vengono effettuati gratuitamente dalle banche.
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email