Ominide 73 punti

Parafrasi inferno canto 1 versi 79-136


“Allora tu sei Virgilio, quella fonte che diffonde un così grande fiume di eloquenza?” io gli risposi a testa bassa :“o tu che sei onore e luce per gli altri poeti, mi giovi presso di te il lungo studio e il grande amore che mi ha fatto conoscere la tua opera. Tu sei il mio maestro e il mio amore; tu sei il solo da cui ho preso il tuo bello stile che mi ha fatto diventare famoso; vedi quella bestia che mi ha fatto cambiare strada, aiutami, contro di lei, famoso saggio che mi fece tremare ogni arteria”.
“ ti conviene seguire un'altra strada”, mi rispose vedendomi lacrimare, “ se vuoi scampare da questo luogo selvaggio, perché la lupa, ti fa chiedere il mio aiuto, non lascia transitare nessuno per la sua strada anzi lo ostacola fino ad ucciderlo; e ha una natura così malvagia e irosa, che non riesce a saziare mai la sua avidità, e dopo il pasto a più fame di prima”.
Molti sono gli umani con cui si accoppia e saranno ancora di più finché non arriverà un veltro che gli farà morire con grandi sofferenze.
Questo non si nutrirà né di terra né di ricchezze ma si nutrirà di sapienza, di amore e di virtù, la sua nascita sarà fra panni umili.
Egli rappresenterà la salvezza di quella povera Italia per cui morirono la vergine Camilla, Eurialo, Turno e Niso per le ferite di guerra.
Il veltro caccerà la lupa da ogni città finché non sarà riportata nell’inferno, la da cui l’invidia l’aveva fatta uscire.
Quindi per il tuo bene penso e giudico che tu mi debba seguire, e io ti farò da guida e portandoti da qui per l’Inferno, dove udirai grida disperate, vedrai gli antichi spiriti sofferenti , che invocano la dannazione finale; e vedrai quelli che sono contenti di purificarsi nel fuoco, perché sperano di poter andare nel Paradiso.
Se tu vorrai raggiungere le beati genti, ti accompagnerà un anima più degna di me; ti lascerò con lei quando io me ne andrò; perché Dio dato che io mi sono ribellato alla sua legge non vuole che si venga in Paradiso accompagnati da me.
Dio comanda in tutte le parti su tutto il creato e qui governa; qui ci sono la sua città e il suo trono: o come è felice colui che viene eletto per vivere in paradiso!”.
E io risposi :”Virgilio ti chiedo, per quel Dio che non hai conosciuto, affinché io possa sfuggire alla schiavitù del peccato e alla dannazione, che tu mi porti nel luogo di cui mi hai parlato, in modo che io veda la porta di San Pietro e quelle anime dannate che tu descrivi così tristi”.
A quel punto Virgilio si mosse e io lo seguii.
Hai bisogno di aiuto in Inferno?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email