Ominide 11269 punti

Metalli e Metalloidi


Gli elementi si distinguono in due grandi classi: la prima detta dei metalli (come il Ferro, l’Alluminio, l’Argento, l’Oro, il Rame) e l’altra dei non metalli o metalloidi come lo Zolfo, il Carbonio, l’Ossigeno, l’Azoto, il Cloro. I metalli sono dotati in genere di una particolare lucentezza (splendore metallico), sono buoni conduttori dell’elettricità, si lasciano ridurre in lamine sottili (corpi malleabili) e si lasciano ridurre in fili sottili (corpi duttili).
L‘oro è il metallo più malleabile: si possono infatti ottenere lamine più sottili di un millesimo di millimetro. Il platino è il metallo più duttile. I metalloidi hanno proprietà opposte: sono privi di lucentezza metallica, non sono buoni conduttori di calore ed elettricità, non sono infine né malleabili, né duttili.
Fenomeni fisici e fenomeni chimici: Come sapete l’acqua può esistere in natura come ghiaccio, acqua liquida e vapore: ognuna di queste forme in cui si presenta l’acqua può mutarsi nell’altra semplicemente cambiando temperatura. Il ferro esposto all’aria umida si copre di ruggine, ma la ruggine non può più mutarsi in ferro. Il cambiamento è così profondo come non lo è il mutamento dell’acqua nel vapore acqueo. I cambiamenti di stato dell’acqua sono fenomeni fisici; mentre la formazione della ruggine è un fenomeno chimico.
Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove