Eliminato 676 punti

Young Europe

Josephine, una giovane diciottenne proveniente da una casta elevata della società francese, ha la mania di Facebook. Oltre all' attaccamento costante al social network, ha tanti altri problemi che i genitori non conoscono a causa della loro non noncuranza sentimentale nei confronti della figlia. Il padre è sempre in giro per lavoro e non passa molto tempo in famiglia. La madre crede di accontentare e tener conto della figlia, portandola nei negozi di grandi marche. Ma lei ha bisogno di molto altro che però è nascosto e i genitori fanno fatica a trovare. Josephine, quando è in compagnia degli amici, si droga e beve alcolici. Con i genitori non ne ha mai parlato. Un giorno quando si trova a pranzo con il padre inizia a parlare seriamente e quando lei elenca questi problemi, il padre si mette a ridere, affermando che l'adolescenza conduce a dire queste bugie. Un giorno, dopo molto tempo, Josephine va dal nonno che la invita a leggere un libro, ma lei rinuncia, dicendo che il mondo gira in fretta e lei non ha tempo per leggere, allora il nonno le risponde che quando lei correrà dovrà portarlo con lei.

Per Josephine l'insieme delle scelte della vita non sono importanti e spesso preferisce non scegliere. Un giorno muore il nonno. Andando in auto a forte velocità, Josephine non si accorge che una mamma e suo figlio stanno attraversando la strada, investe la madre del bambino, mentre lui resta illeso. Quando cercano di portare la signora in ospedale non c'è più niente da fare e solo lì la ragazza capisce quanto sia importante guidare con attenzione. Quando viene l'agente di polizia, lei afferma che non è colpa dei giovani se accadono queste cose, perché loro come riferimento hanno gli adulti che sono i primi a compiere questi gesti.

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email