J.lee di J.lee
Ominide 1094 punti

Movimenti di macchina

Durante la ripresa di un film un'altra componente fondamentale sono i movimenti di macchina, che ovviamente non sono casuali. Elenchiamoli:

-Carrellata: macchina da presa posta su un carrello che poggia su un veicolo a ruote. I movimenti in questo caso possono essere avanti, indietro, destra, sinistra, obliqui o circolari.

-Carrellata aerea: riprese effettuate per mezzo di un aereo.

-Panoramica: qui la macchina da presa è fissa su un cavalletto e ruota sul proprio asse, verticalmente o orizzontalmente. E' spesso utilizzata per mostrarci una visuale soggettiva e per le riprese a 360°.

-Carrello a precedere: personaggio inquadrato frontalmente (ripresa mobile).

-Carrello laterale: macchina che segue lateralmente i movimenti del personaggio.

-Carrello a seguire: personaggio inquadrato di spalle.


Ci sono poi strumenti che possono rendere possibili movimenti di macchina più complessi; è ilo caso della gru o "dolly", quest'ultima, è un veicolo a ruote, dove viene fissata la macchina da presa; ciò serve a dare spettacolarità alla scena.
Esiste poi la louma, che è un braccio meccanico che sposta verso qualsiasi direzione la macchina da presa.

-Macchina a mano: i movimenti di macchina sono liberi, senza l'ausilio di alcuno strumento; tenuta direttamente dall'operatore.

-Carrellata ottica: macchina da presa ferma, effettua zoom avanti e indietro.


E' bene anche tenere presente la differenza tra movimenti subordinati e liberi. I primi sono quelli che seguono la traiettoria dei personaggi, mentre i secondi prescindono da questi, effettuano movimenti per avvicinarci o allontanarci da qualcosa.
I movimenti di macchina hanno anch'essi, naturalmente, delle particolari funzioni:



    Connettiva: movimento senza stacco di immagine, che serve appunto a connettere tutti gli elementi profilmici a partire dall'inizio della scena, sino alla sua fine.

    Estensiva: la scena parte dal piano ravvicinato di un elemento profilmico per poi, con un movimento di macchina indietro, allargare il campo e mettere così in campo ciò che prima era fuori campo.

    Selettiva: il contrario della funzione estensiva, ossia, parte da un elemento in piano non ravvicinato per poi, con un movimento di macchina in avanti, mostrarne qualche particolare.

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità