Il taoismo non è una vera e propria religione, ma un complesso di dottrine filosofiche e religiose elaborate da Lao Tzu nel VI secolo, che si basa sul principio del tao (la via) da cui nascono 2 principi contrapposti:
-lo yin (principio femminile);
-lo yang (principio maschile).
Mentre l'uomo normale raggiunge la gioia spirituale coi ritmi della natura, l'uomo saggio è colui che non agisce nè per cambiare il corso degli eventi, nè per acquistare potere e ricchezza. Nel taoismo l'uomo è un essere libero che non segue le regole sociali che non gli permettono di raggiungere il tao: grazie a questa "formula" il taoismo si contrappone al confucianesimo ed è stato apprezzato dalle classi colte cinesi, poi si è diffuso in tutta la Cina e tutto il Giappone.

Il termine animismo fu coniato dall'antropologo inglese F. B. Taylor e in realtà è un culto tribale basato sul rispetto sacro della natura (la natura è sacra perchè è animata dallo spirito vitale che avvolge l'intero universo e perchè l'uomo è il mediatore fra forze soprannaturali e mondo naturale) e sulla venerazione degli antenati (visti come una catena che non si rompe e interrompe mai). Nel mondo vi sono 90 milioni di animisti sparsi fra America Latina, Asia centrale, Siberia, Indonesia, Australia, Nuova Zelanda, Africa centrale e meridionale ed estremo nord dell'America.

Hai bisogno di aiuto in Religione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email