Home Invia e guadagna
Registrati

Password dimenticata?

Registrati ora.

Diritto tributario - Domande

Domande d'esame di Diritto tributario. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: trasferimento d'azienda, trasferimento del lavoratore, sanzioni disciplinari, efficacia dei contratti collettivi, disposizioni disciplinari dello statuto.

Compra 2.99 €

Media: 5

  • 4
  • 15-02-2013
di 35 pagine totali
 
+ - 1:1 []
 
< >
Diritto tributario - Domande
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Anteprima Testo:
Trasferimento d'azienda E’ un’ipotesi di modifica soggettiva del rapporto di lavoro dal lato del datore. Con i decreti del 2001 si è dato attuazione in Italia alla disciplina europea, della direttiva 98/50. Interessata dalla modifica è la nozione di trasferimento. Sono stati sostituiti i termini alienante e acquirente con quelli di cedente e cessionario. Da che risulta la focalizzazione della disciplina sulla garanzia della stabilità dei rapporti di lavoro e sulla tutela della posizione dei lavoratori in transito, e mostrando indifferenza allo strumento giuridico in forza del quale il trasferimento avvenga. La relativa disciplina si applica a qualsiasi operazione che, in seguito a cessione contrattuale o fusione, comporti il mutamento di un’attività economica organizzata e che conserva nel trasferimento la propria identità. Rientrano in questa ampia nozione trasferimenti volontari e non, temporanei e definitivi, fusioni e scissioni di società; non vi rientrano invece la cess... Espandi »ione del pacchetto azionario né la trasformazione societaria o la modifica della denominazione sociale. Continuano a restare escluse dalla disciplina del trasferimento d’azienda le organizzazioni non imprenditoriali. Allorché non vi sia circolazione di un complesso di beni organizzati non si verifica trasferimento d’azienda. L’azienda è organizzazione di beni materiali e immateriali e di rapporti giuridici e quindi può considerarsi trasferimento d’azienda pure l’acquisizione di un complesso organizzato di persone e dei loro rapporti di lavoro quando però per l’esercizio dell’attività economica un tale complesso sia sufficiente e non occorrano mezzi patrimoniali. Il novellato art. 2112 pone una garanzia in favore dei lavoratori: il cessionario deve applicare i trattamenti economici e normativi previsti da contratti collettivi vigenti alla data del trasferimento. il trasferimento d’azienda non costituisce di per sè motivo di licenziamento, ma qualora le condizioni di lavoro subiscano una sostanziale modifica, il lavoratore può rassegnare le dimissioni per giusta causa. Trasferimento del lavoratore Nell’ambito del trasferimento d’azienda è previsto che qualora le condizioni di lavoro del lavoratore subiscano una sostanziale modifica, questi ha diritto a rassegnare le dimissioni per giusta causa. Per il resto invece, il trasferimento non costituisce motivo di licenziamento. Nel caso di distacco poi esso può avvenire solo per comprovate ragioni tecniche, organi « Comprimi
Contenuti correlati