Psicologia - Pregiudizio

Appunti utili per la preparazione dell'esame di Psicologia.
Definizione di pregiudizio. Pregiudizio in sociologia e antropologia. Approcci storici e teorie recenti. Lo stereotipo (funzioni cognitive). Stigma sociale e teorie. Teoria di Goffman. Modello di Phelan e Link.

  • Esame di Psicologia docente Prof. A. Bellomo
  • Università: Foggia - Unifg
  • CdL: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
  • SSD:
I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kalamaj di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Foggia - Unifg o del prof Bellomo Antonello.
Anteprima Testo:
Pregiudizio: definizioni deriva dal latino prae (prima) e iudicium (giudizio); pur potendo assumere diversi significati a seconda del contesto, questi sono comunque collegati al concetto di un giudizio a priori, prematuro, parziale, basato su argomenti insufficienti o su una incompleta o indiretta conoscenza dei fatti rilevanti di un determinato caso. In tempi recenti questa parola e stata usata prevalentemente in riferimento a preconcetti o giudizi il piu delle volte sfavorevoli verso gruppi di persone o individui, in riferimento a differenze di genere, eta, classe sociale, disabilita, religione, orientamento sessuale, etnicita, lingua, nazionalita o altre caratteristiche personali. Questa parola si riferisce anche a credenze immotivate e puo includere qualsiasi convinzione immotivata insolitamente resistente all influenza della ragione (Rosnow, 1972) Gordon Allport (1954), famoso psicologo americano vissuto nella prima meta del secolo scorso, ha definito il pregiudizio come un sentimento, favorevole o sfavorevole, verso una persona o una cosa, a priori o non basato sull esperienza attuale . Vi e quindi alla base una predilezione immotivata per un particolare punto di vista o per una particolare ideologia, che porta al rifiuto o all accettazione della validita di un affermazione non in base alla forza degli argomenti a supporto di tale dichiarazione ma in base alla corrispondenza con le proprie idee preconcette, senza alcuna riflessione. Oltre che da un punto di vista sociale e antropologico, il pregiudizio puo essere studiato sotto vari punti di vista psicologici: e un pensiero che si basa sulle paure e sulle fobie degli individui, oltre che delle masse, e puo essere analizzato da un punto di vista psicodinamico oltre che cognitivista.
Pregiudizio in Sociologia e Antropologia In psicologia sociale il pregiudizio e un tipo particolare di atteggiamento definibile come atteggiamento intergruppo, che nasce cioe da individui facenti parte di diversi gruppi, e costituito da posizioni di favore o sfavore che hanno per oggetto un gruppo. Dal punto di vista antropologico il pregiudizio e antichissimo, perche nasce dal comune modo di approcciarsi alla realta e fa quindi parte di quel senso comune che e la forma di ragionamento o di pensiero che appartiene a una cultura e ne plasma la produzione culturale in modo spesso inconsapevole. I pregiudizi variano infatti da cultura a cultura: storicamente gli europei sono stati fautori di pregiudizi nei confronti di qualita fisiche e psicologiche delle popolazioni di etnia facilmente riconoscibile dal diverso colore della pelle; molte tribu africane invece pensano che gli europei siano portatori di stregoneria nelle loro terre. All interno di una stessa cultura poi, i pregiudizi sono cambiati o nati a seconda del periodo storico sotto forti influenze religiose o politiche, spesso alla ricerca di un capro espiatorio.
Pregiudizio: approcci storici e teorie
Trova ripetizioni online e lezioni private