Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Psicologia - la pragmatica della comunicazione umana

Appunti per l'esame di Psicologia della professoressa Zeroli. Gli argomenti trattati sono i seguenti: i presupposti storici, i tentativi di fissare alcuni assiomi della comunicazione, la comunicazione patologica, l'organizzazione dell'interazione umana, l'analisi della commedia "chi ha paura di Virginia Woolf?" in termini di comunicazione, la comunicazione paradossale, il paradosso in psicoterapia, l'esistenzialismo e la teoria della comunicazione umana.

  • Per l'esame di Psicologia del Prof. S. Zeroli
  • Università: Insubria Como Varese - Uninsubria
  • CdL: Corso di laurea in scienze della comunicazione
  • SSD:
Compra 2.99 €

Voto: 5 verificato da Skuola.net

  • 02-10-2014
di 45 pagine totali
 
+ -
 
>
Psicologia - la pragmatica della comunicazione umana
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Anteprima Testo:
PRAGMATICA DELLA COMUNICAZIONE UMANA P. Watzlawick, J. H. Beavin, D. D. Jackson INTRODUZIONE Un essere umano è coinvolto fin dall’inizio della sua esistenza in un complesso processo di acquisizione delle regole della comunicazione, ma di tale corpo di regole, di tale calcolo della comunicazione è consapevole solo in minima parte.
CAPITOLO I PRESUPPOSTI TEORICI 1. Presupposti Un fenomeno resta inspiegabile finché il campo d’osservazione non è abbastanza ampio da includere il contesto in cui il fenomeno si verifica. Se si studia una persona dal comportamento disturbato (psicopatologia) isolandola, allora l’indagine deve occuparsi della natura di tale condizione e –in senso estesodella natura della mente umana. Se invece si estende l’indagine fino ad includere gli effetti che tale comportamento ha sugli altri, le reazioni degli altri a questo comportamento, e il contesto in cui tutto ciò accade, il centro dell’interesse si sposta dalla monade1 isolata artificialmente alla relazione tra le parti di un sistema più vasto. Chi studia il comportamento umano passa allora dallanalisi deduttiva della mente all’analisi delle manifestazioni osservabili nella relazione: il veicolo di tali manifestazioni è la comunicazione. Lo studio della comunicazione umana si può dividere in tre settori: • Sintassi = è di competenza esclusiva del teorico dell’informazione, il quale appunto si interessa ai problemi della codificazione, dei canali, della capacità, del rumore, della ridondanza, e di altre proprietà statistiche del linguaggio; • Semantica = l’interesse primario è il significato;

Pragmatica = influenza il comportamento.
F. H. George fa notare che 2. 2. Nozione di funzione e di relazione Il concetto di funzione è costituito dal rapporto tra le variabili (che assumono valore proprio in base al loro rapporto). E’ senza dubbio stimolante il parallelismo che si instaura tra l’affermazione in matematica del concetto di funzione e il riconoscimento in psicologia di quello di relazione. Sappiamo che sensazioni, percezioni, attenzione, memoria e diversi altri concetti sono stati definiti come “funzioni”; come del resto sappiamo dell’enorme mole di lavoro che è stato compiuto e che tutt’ora si compie per studiare tali “funzioni” isolandole artificialmente. W. R. Ashby fa rivelare che un osservatore che sia in possesso di tutta l’informazione necessaria non ha bisogno di riferirsi al passato (e quindi all’esistenza di una memoria nel sistema): gli basta lo stato attuale del Espandi »ta/appunti-riassunti/sistema">sistema per poterne spiegare il comportamento. 3. 1
Unità basilare costituita di un’unica entità, considerata isolatamente. Qui si usa per denotare l’individuo fuori dal suo nesso di comunicazione; si contrappone a diade e triade. 2 F. H. George 3 W. R. Ashby
Pagina 1 di 45
Le percezioni implicano un processo di cambiamento, movimento o scansione. In altre parole, sulla base di prove estremamente ampie, è stato possibile stabilire e astrarre una relazione che è identica al concetto matematico di funzione... ne consegue che la sostanza delle nostre percezioni non è costituita da “cose” ma da funzioni; e come abbiamo visto le funzioni non sono grandezze isolate ma 4. Ma se le cose stanno così, non deve più sorprenderci neppure che la consapevolezza che l’uomo ha di se stesso è sostanzialmente una consapevolezza delle funzioni, delle relazioni in cui si trova implicato, e qui non ha importanza quanto egli possa successivamente reificare tale consapevolezza. 3. Informazione e retroazione La teoria psicoanalitica di S. Freud si basa su di un modello che non è in contrasto con l’epistemologia predominante al tempo in cui furono formulati i principi della psicoanalisi. Si parte dal postulato che il comportamento sia in primo luogo la conseguenza di una ipotizzata azione reciproca di forze intrapsichiche che si ritiene seguano strettamente le leggi della fisica sulla conservazione e sulla trasformazione dell’energia. La psicoanalisi classica restava anzitutto una teoria dei processi intrapsichici, che considerava si secondaria importanza l’interazione con le forze esterne anche quando tale interazione era evidente. La ricerca psicoanalitica ha trascurato l’interdipendenza tra l’individuo e il suo ambiente, ed è proprio a questo punto che diventa indispensabile il concetto di scambio di informazione, cioè di comunicazione. C’è una differenza sostanziale tra il modello psicodinamico (psicoanalitico) da una parte e ogni schema che elabori il concetto di interazione individuo-ambiente dall’altra. Se si da un calcio ad un sasso, questo rotolerà secondo la forza acquisita e la struttura del terreno; se lo si dà a un cane, questo acquisirà sì la forza, ma “reagirà” in un ordine diverso. La scoperta della retroazione ha reso possibile questo nuovo modo di vedere le cose. Una catena in cui l’evento A produce l’evento B, e poi B produce C, e C a sua volta causa D, etc..., può sembrare che abbia le proprietà di un sistema lineare deterministico. Ma se D riconduce ad A, il sistema è circolare e funziona in un modo completamente diverso. La retroazione può essere negativa o positiva. La prima caratterizza l’omeostasi (stato stazionario) e gioca quindi un ruolo importante nel far raggiungere e mantenere la stabilità delle relazioni; la seconda provoca un cambiamento, cioè la perdita di stabilità e di equilibrio. In entrambi i casi, parte dei dati in uscita sono reintrodotti nel sistema come informazione circa l’uscita stessa. In caso di retroazione negativa, si usa questa informazione per far diminuire la deviazione all’uscita rispetto a una norma prestabilita o previsione dell’insieme –di qui l’aggettivo “negativa”- mentre in caso di retroazione positiva la stessa informazione agisce come una misura per aumentare la deviazione all’ « Comprimi
Contenuti correlati