Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Rivoluzione Industriale - Seconda rivoluzione: caratteristiche generali (2)

Appunto sulla seconda rivoluzione industriale che parla dell'utilizzo dell'elettricità, l'invenzione del motore a scoppio e lo sviluppo dell'industria chimica

E io lo dico a Skuola.net
Seconda Rivoluzione industriale
La Seconda rivoluzione industriale (1870-1945)vide la fine del primato dell’Inghilterra e l’ascesa della Germania e degli Stati Uniti,si basò su due nuove forme di energia,l’elettricità e il petrolio,che sostituirono il carbone, e creò oggetti che trasformarono la vita quotidiana.
L’elettricità cominciò a essere impiegata nel 1860,l’anno in cui Pacinotti inventò la dinamo, e permise l’invenzione del telefono,del fonografo e della lampadina. La svolta decisiva avvenne però nel 1882 quando Edison costruì la prima centrale elettrica,che risolveva il problema energetico dei Paesi poveri di carbone,fra cui l’Italia. Le comunicazioni divennero rapidissime nel 1844,grazie al telegrafo inventato da Morse ; poi la scoperta delle onde elettromagnetiche portò Marconi a inventare nel 1895 il telegrafo senza fili e successivamente la radio. Nello stesso anno Rontgen isolò i raggi X .
Grazie all’invenzione del motore a scoppio che utilizzava la benzina derivata dal petrolio,si poté realizzare,nel 1885,la prima automobile e ,nel 1903,l’aeroplano. Fra le industrie nate nella seconda metà dell’800 vi fu anche l’industria dell’acciaio ,il metallo perfetto ,che permise la costruzione dei grattacieli. Un’altra straordinaria protagonista della 2°rivoluzione industriale fu la chimica, che diede corso alla produzione dell’alluminio, all’invenzione della dinamite, alla creazione dell’anilina e di altri coloranti. Sempre grazie alla chimica era nata la fotografia,prima in bianco e nero,poi a colori;da essa si passò facilmente alla pellicola cinematografica:nel 1895,infatti,i fratelli Lumiere proiettarono il loro primo film. Non meno importanti furono i risultati ottenuti dalla chimica nella ricerca biologica e nella medicina: Koch individuò i bacilli della tubercolosi e del colera., Pasteur scoprì il vaccino contro la rabbia,l’etere fu applicato all’anestesia chirurgica, furono sintetizzati il bromuro e l’aspirina e si scoprì il Ddt, un potente insetticida usato nella lotta contro le zanzare portatrici di malaria. Anche l’industria alimentare si avvantaggiò della chimica: Pasteur mise a punto un procedimento ,la pastorizzazione ,per conservare i prodotti alimentari mentre carni e verdure potevano essere congelate o inscatolate. Tutto ciò segnò una grande svolta nell’alimentazione: l’apertura di nuovi mercati, la salvezza per le popolazioni colpite da carestie, maggiori possibilità di vita per i bambini denutriti, maggiore varietà di cibi. Nel settore della salute, intanto, si affermarono le teorie degli igienisti che, applicando la statistica, collegarono il colera e la tubercolosi con la scarsa igiene e ottennero che si costruissero fogne e si portasse l’acqua corrente anche nelle case più povere. Una maggiore attenzione all’igiene permise anche di sconfiggere la febbre puerperale che causava la morte delle partorienti
Contenuti correlati
Registrati via email