Quelle che sono chiamate le rivoluzioni di febbraio e di ottobre, secondo il nostro calendario corrisponderebbero ai mesi di marzo e novembre. La rivoluzione di febbraio (mesi russi) del 1917 fu provocata da una rivolta degli operai e dei soldati. All’inizio ci furono manifestazioni di protesta da parte degli operai di Pietroburgo per il cibo e il combustibile e i soldati, al secondo ordine di sparare a questi, si rifiutarono e si unirono a loro riuscendo così a conquistare il Palazzo d’Inverno.
Questo porta alla fine del regime zarista (15 marzo abdicazione dello zar).
Si forma un governo provvisorio “liberale”: i deputati della duma (Parlamento) eleggono il principe Lvov. Il governo provvisorio era espressione della duma e il suo obiettivo sul piano militare era continuare la guerra e sul piano politico quello promuovere l’occidentalizzazione del paese, anche sul piano economico (capitalismo) e politico.
Nel primissimo periodo questi obiettivi erano condivisi dai cadetti, socialisti rivoluzionari e anche dagli stessi social democratici . Ma le cose cambiarono, perché accanto al potere legale si forma il potere reale dei soviet =consigli di operai e soldati, la cui funzione è quella di controllare l’operato del governo. È un’espressione di potere dal basso e il suo obiettivo è la fine della guerra. Questa è la situazione quando torna Lenin.

I partiti erano convinti che si doveva favorire lo sviluppo della rivoluzione come si stava realizzando cioè liberal-democratico. Questa linea venne stravolta dalle tesi di Lenin pubblicò sul giornale La Pravda, il giornale del partito. Lenin era stato un’attivista rivoluzionario fin da quando era studente , per questo fu mandato in Siberia. Visse sempre all’estero; per lui la guerra era imperialistica e per porne fine alla guerra non si può avere una pace democratica se non si fosse abbattuto il capitale, altrimenti doveva essere imposta con la forza.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email