Fare carriera in una grande azienda: i consigli di chi ce l'ha fatta

Marcello G.
Di Marcello G.

segreti successo lavoro carriera emiliano cappuccitti

Riuscire a trovare lavoro, soprattutto in un’epoca segnata dai tassi di disoccupazione giovanile più alti della storia recente, è sicuramente un grande risultato; il raggiungimento di un obiettivo, molto spesso ottenuto a fatica. Ci si deve sentire fortunati perché, rispetto a tanti altri ragazzi, si è riusciti a entrare nel mondo degli adulti. Ma questo momento deve durare giusto il tempo di iniziare perché, specie se si vuole arrivare in alto, sono ben altre le tappe da superare; il traguardo è ancora lontano e, forse, non arriva mai. Per distinguersi servono impegno, costanza, determinazione e alcuni ‘trucchi del mestiere’. Gli stessi che hanno consentito a Emiliano Maria Cappuccitti di diventare, dopo un lungo percorso, responsabile delle risorse umane del gruppo Coca-Cola HBC Italia. Consigli che, oggi, attraverso le pagine del suo libro libro Oggi mi laureo…domani che faccio?, vuole lasciare in eredità a chi sta muovendo i primi passi verso il successo. Ecco i principali.

7. Superarsi in un contesto competitivo


Solo i più determinati arrivano ai vertici di qualsiasi carriera lavorativa. Bisogna partire dal presupposto che, attorno a voi, sarete sempre circondati da persone che vorranno la vostra stessa cosa: emergere dalla massa. L’ambizione non deve essere considerata una qualità negativa, l’importante è coniugarla in modo costruttivo. La competizione è il motore di una grande carriera.

6. Non avere paura del sacrificio


In ogni grande azienda che si rispetti, soprattutto i primi tempi, vengono richiesti grandi sacrifici. Vi potrebbe capitare di ricoprire mansioni apparentemente poco affini al lavoro per cui si è stati assunti, persino inferiori. Se, ad esempio, in futuro potreste trovarvi a coordinare una squadra, è molto probabile che come prima cosa verrete inseriti proprio a un livello più basso per capire qual è il punto di vista di chi si troverà sotto di voi.

5. Gli orari non esistono


Man mano che ci si avvicina ai vertici, l’imprevisto o il cambiamento improvviso sono sempre dietro l’angolo. Ci saranno giornate in cui ci si dovrà alzare all’alba per prendere un treno, un aereo o semplicemente per partecipare a una riunione. Lo stesso vale a fine giornata: non è possibile sapere quando finirà il lavoro, le priorità cambiano di ora in ora e non saranno rari i casi i cui si tornerà a casa a notte fonda.

4. Trasformare le idee in fatti


Quando si entra nel mondo del lavoro la mente è carica di nozioni, teorie, casi astratti. La pratica, però è ben diversa; non sempre tutto va nel modo descritto dai libri. Una buona preparazione aiuterà di certo ad avere buone idee. Ma, soprattutto nei contesti lavorativi che aprono spiragli di crescita, la differenza è data dal trasformare un’intuizione in una cosa concreta, che si traduca in un risultato capace di portare vantaggio all’azienda.

3. Identificarsi con l’azienda


Nella vita, per quanto possibile, bisogna cercare di essere mentalmente liberi. Ma le dinamiche lavorative sono ben diverse, si è parte di un meccanismo che non può funzionare alla perfezione se tutti non lavorano nella stessa direzione. È necessario far sì che le esigenze e le priorità dell’azienda per cui si lavora diventino nostre. Bisogna in qualche modo permettere al lavoro di entrare nella nostra vita, far diventare le sfide dell’azienda le nostre sfide; solo così si superano gli ostacoli.

2. Avere curiosità e volersi migliorare sempre


Non si finisce mai di crescere all’interno di un’azienda. Anche quando si pensa di essere arrivati al proprio obiettivo, c’è sempre il modo di mettersi in gioco per salire ancora un gradino. Per capirlo, però, è necessario possedere una caratteristica fondamentale: la curiosità. Solo così, infatti, si riescono a intravedere nuove strade da percorrere per migliorarsi. Dopodiché, però, tornano in gioco la costanza e la determinazione nel perseguire quell’obiettivo.

1. Avere la valigia sempre pronta


Più crescono le responsabilità più sarà probabile che la vita si trasformi in un lungo viaggio. Nel mondo globalizzato di oggi, le aziende hanno sedi sparse in tutto il mondo, incontrano clienti in Paesi a volte lontani. Per poter fare carriera bisogna essere pronti a viaggiare molto. Aerei e treni faranno parte della quotidianità; gli alberghi diventeranno una seconda casa. Girare di città in città all’interno della stessa nazione sarà la normalità. Indispensabile avere una valigia sempre pronta per affrontare le trasferte di lavoro, magari organizzate all’ultimo secondo.

Commenti
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata

Sei curioso di sapere di cosa parleremo mercoledì prossimo? Allora segui il nostro sito per saperlo!

31 maggio 2017 ore 16:30

Segui la diretta