Daniele di Daniele
Blogger 27611 punti

il verbo transitivo nella grammatica italiana

I verbi sono un elemento fondamentale della frase e parte variabile di un determinato discorso. Nella frase il verbo è quella parte della frase che indica l'azione che compie un soggetto o l'azione che questo determinato soggetto subisce. In questo appunto vengono analizzati varie tipologie di verbo, come per esempio i verbi copulativi e predicativi, i verbi transitivi e intransitivi, i verbi attivi e i verbi passivi, i verbi riflessivi.

Indice

Verbi transitivi e intransitivi
Il verbo, cos'è

Verbi transitivi e intransitivi

Il verbo si dice verbo transitivoquando l’azione si espande su un oggetto diretto (complemento oggetto) es. ‘leggo un libro’.

Si dice verbo intransitivoquando esprime un’azione o uno stato in assoluto e non esige un oggetto diretto: es. ‘nasco’, ‘corro’.
Molti verbi non sono verbi transitivi o verbi intransitivi ‘per natura’, ma ammettono sia un uso transitivo sia un uso intransitivo: ad esempio nella frase ‘io mangio una mela’ il verbo ‘mangiare’ è usato in funzione transitiva, mentre nella frase ‘io mangio al ristorante’ lo stesso verbo è usato in funzione intransitiva.

Le forme dei verbi:
- FORMA ATTIVA: quando chi compie l’azione espressa dal verbo è l’elemento che nella frase ha funzione di soggetto; essa è propria di tutti i verbi transitivi e intransitivi;

- FORMA PASSIVA: quando chi compie l’azione espressa dal verbo è l’elemento che nella frase ha la funzione non di soggetto, ma di complemento d’agente. La forma passiva è caratterizzata dalla presenza degli ausiliari ‘essere’ o ‘venire’ ed è ammessa solo da verbi transitivi. La forma passiva può essere espressa anche con il ‘si passivante’;

- FORMA RIFLESSIVA: quando l’azione o lo stato espressi al soggetto ‘si riflettono’ in tutto o in parte sul soggetto stesso, di norma richiamato con un pronome personale. Quando il pronome ha funzione di oggetto diretto si ha il riflessivo diretto o il riflessivo reciproco ; quando, invece, il pronome pur riferito al soggetto, ha una diversa funzione sintattica si ha il riflessivo indiretto;

- FORMA IMPERSONALE: quando il verbo viene usato alla 3° persona singolare senza alcun soggetto espresso, o è preceduto dalla particella ‘si’ in espressioni del tipo ‘si dice’, ‘si chiacchiera’, ecc;
Si parla comunemente di ‘forma impersonale’ anche quando il soggetto, è costituito non da un nome o da un pronome ma da un intera proposizione.

Il Verbo, cos'è

Il verbo è la parte più importante del discorso; tuttavia non tutti i verbi hanno senso compiuto. Quindi, dal punto di vista del significato è necessario distinguere tra verbi copulativi e verbi predicativi.

Verbi copulativi e predicativi:

  • I verbi copulativi sono verbi che, pur essendo essenziali per la costruzione del discorso, devono legarsi a un nome o a un aggettivo per avere un senso compiuto; la loro funzione, perciò, non è quella di esprimere un'azione ben definita, bensì di legare il soggetto di cui si parla con il nome o l'aggettivo che ne indica lo stato o la condizione.

  • I verbi predicativi sono verbi dotati di senso compiuto e indicanti azioni o stati di ogni genere.
  • Verbi transitivi e intransitivi: All'interno dei verbi predicativi si distinguono i due generi fondamentali del verbo:

  • transitivi, sono tutti i verbi che reggono o possono reggere un complemento oggetto. L'azione che esprimono passa direttamente dal soggetto che la compie all'oggetto che la riceve senza l'ausilio di preposizioni;

  • intransitivi, sono tutti i verbi che non possono reggere un complemento oggetto. L'azione che esprimono non possa direttamente sull'oggetto ma con l'ausilio di preposizioni.

  • I verbi intransitivi, quindi, non possono essere seguiti da un complemento oggetto ma solo da complementi indiretti. In pratica, la presenza del complemento oggetto, o la possibilità che ci sia ci indica che il verbo è transitivo.
    Oltre ai verbi che sono solo transitivi o solo intransitivi, ne esistono altri che possono essere usati sia transitivamente sia intransitivamente; a seconda dell'uso, il significato del verbo cambia, o del tutto o almeno parzialmente.

    Verbi attivi e passivi:; I verbi possono avere una forma diversa:

  • la forma attiva, quando il soggetto del verbo compie l'azione;

  • La forma passiva, quando il soggetto del verbo subisce l'azione.

  • La forma attiva è registrata sempre sul dizionario, invece la forma passiva deve essere costruita.
    E' possibile trasformare una frase da attiva in passiva se il verbo è transitivo e ha il complemento oggetto espresso.
    La trasformazione avviene così:
  • il complemento oggetto diventa soggetto;

  • Il verbo viene coniugato alla forma passiva;

  • Il soggetto diventa complemento d'agente.

  • La trasformazione è reversibile, cioè si può passare dalla forma passiva alla forma attiva.
    I verbi transitivi possono avere sia la forma attiva sia la forma passiva.
    I verbi intransitivi hanno soltanto la forma attiva.

    Verbi riflessivi: I verbi transitivi hanno una terza forma oltre all'attiva e alla passiva: la forma riflessiva, nella quale il soggetto compie e nello stesso tempo subisce l'azione.

    Verbi impersonali: Sia i verbi transitivi sia gli intransitivi possono avere una forma impersonale: il verbo non ha un soggetto espresso e si usa soltanto alla terza persona singolare.

    Autori che hanno contribuito al presente documento: red_alessia, sedia90.

    Registrati via email