Traduzione dal Latino all'Italiano di De otio, Seneca

Versioni di latino con traduzione del De otio, l'ottavo libro facente parte dei Dialoghi scritti da Lucio Anneo Seneca, rivolto all'amico Annio Sereno. Seneca compone un dialogo dimostrativo in cui espone la legittimità della sua scelta di chiudere con la vita politica. Tale posizione è il risultato della presa d'atto da parte dell'autore dell'impossibilità di riformare l'impero. L'Otium non è per Seneca da considerare come una scelta da condannare, nonostante il principio stoico secondo cui il sapiente non deve lasciare la vita attiva.

Ordina risultati per:

De otio - Libro unico - Paragrafo 3

Duae maxime et in hac re dissident sectae, Epicureorum et Stoicorum, sed utraque ad otium diversa via mittit.Epicurus ait: "Non accedet ad rem publicam sapiens, nisi si q...

De otio - Libro unico - Paragrafo 4

[...] Solemus dicere summum bonum esse secundum naturam vivere: natura nos ad utrumque genuit, et contemplationi rerum et actioni.

De otio - Libro unico - Paragrafo 6

[...] Quo animo ad otium sapiens secedit? Ut sciat se tum quoque ea acturum per quae posteris prosit. Nos certe sumus qui dicimus et Zenonem et Chrysippum maiora egisse q...

De otio - Libro unico - Paragrafo 5

Solemus dicere summum bonum esse secundum naturam uiuere: natura nos ad utrumque genuit, et contemplationi rerum et actioni.Nunc id probemus quod prius diximus. Quid porr...

De otio - Libro unico - Paragrafo 3 - Traduzione 2

Duae maxime et in hac re dissident sectae, Epicureorum et Stoicorum, sed utraque ad otium diversa via mittit. Epicurus ait: "non accedet ad rem publicam sapiens, nisi si...

Trova ripetizioni online e lezioni private

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV