Test Medicina 2016, oltre 3 milioni l’incasso stimato al “botteghino”

Marcello G.
Di Marcello G.
costi iscrizione test ingresso medicina 2016

Alla fine di ogni estate arriva puntuale un grande successo d’incassi al botteghino delle università italiane. La “pellicola” in questione è l’ennesimo sequel del Test d’Ingresso di Medicina, che anche quest’anno dovrebbe portare un incasso di oltre 3 milioni di euro. E’ questa infatti la cifra che avrebbero sborsato complessivamente le quasi 63mila matricole che si stanno preparando per contendersi i 9224 posti per Medicina e i 908 posti per Odontoiatria.
La stima proviene dal portale specializzato Skuola.net, che da quasi 5 anni monitora il fenomeno.

La tassa d'iscrizione è una variabile in più


Il meccanismo dovrebbe mettere sullo stesso piano tutti gli studenti, a prescindere della zona d’Italia in cui affronteranno il test: stessa data, stesso quiz, stesse modalità di svolgimento, correzione simultanea e graduatoria nazionale. Le università hanno a disposizione un pacchetto chiavi in mano: non devono né elaborare né stampare né correggere gli elaborati. Ci pensa Viale Trastevere grazie alla sua emanazione CINECA. Eppure un elemento discriminante c’è: il costo della tassa d’iscrizione. Perché ogni ateneo, sfruttando la propria autonomia, ha potuto fissare tariffe differenti per l’iscrizione al test.

Mediamente il biglietto per accedere allo spettacolo si aggira intorno ai 51 euro, in diminuzione di un paio di euro rispetto a 12 mesi fa. Moltiplicando questa cifra per i 62.695 che hanno perfezionato l’iscrizione (e quindi saldato il conto), si ottiene la somma totale di 3,2 milioni di euro circa. Solo per tentare l’impresa, poi, visto che appena 1 studente su 6 riuscirà ad iscriversi a Medicina.

C'è chi ha speso poco e chi tantissimo


Si può affermare, parafrasando un vecchio adagio: “Università che vai, tassa che trovi”. Si va, infatti, dai 10 euro della Bicocca di Milano ai 100 euro di Salerno, Vercelli e della Seconda Università di Napoli. Curioso notare che nella città partenopea, cambiando quartiere, si risparmiano 50 euro secchi optando per l'università Federico II.

Le altre città - oltre le tre già elencate - in cui è più oneroso sostenere il test di Medicina risultano essere Messina (90 euro), Bologna, Ferrara, Perugia e Pisa (tutte a 60 euro). Al contrario, le situazioni più convenienti le troviamo, oltre che a Milano Bicocca, a Varese (20 euro), Cagliari (22,35 euro), Sassari (25 euro) e Padova (30 euro). Tra le grandi università, si distingue Roma Tor Vergata che, con i suoi 35 euro, è tra gli atenei più “economici”.

Minimi i cambiamenti dei singoli atenei rispetto allo scorso anno, se non per gli “sconti” della Federico II di Napoli (che passa dai 100 euro del 2015 ai 50 euro di quest’anno) e dell' università dell’Insubria di Varese (da 50 a 20 euro). Nessuno, invece, ha ritoccato più di tanto al rialzo la tariffa. Quasi ininfluenti i 5 euro in più di Modena e Reggio Emilia (da 50 a 55 euro), i tre euro in più di Padova (da 27 a 30) e l’euro in più di Pavia (da 54 a 55).

Nelle private la faccenda si complica


Discorso a parte merita l'analisi degli atenei privati che hanno al loro interno una facoltà di Medicina e che hanno già svolto i test. I costi d’iscrizione al test lievitano, con una media di 145 euro e un picco di 170 euro (per sostenere i quiz al San Raffaele di Milano). Non scherzano la Cattolica di Roma (120 euro), il Campus Bio-Medico (130 euro) e l’Humanitas di Milano (160 euro). Qui le possibilità di entrare sono davvero minime. Sempre al San Raffaele, ad esempio, visto il boom di partecipanti per i 100 posti messi a bando, solo 1 su 30 ce la fà.


Marcello Gelardini


Ecco nel dettaglio i costi d'iscrizione al Test Medicina 2016 nelle singole università:
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere l'ospite della prossima live? Continua a seguirci!

11 marzo 2021 ore 16:00

Segui la diretta