Accademia Aeronautica: le opportunità formative e gli sbocchi lavorativi

Aeronautica Militare
In collaborazione con Aeronautica Militare
pilota areonautica

È il sogno di tantissimi giovani: accedere all’Accademia Aeronautica e indossare, al termine del percorso, la tanto agognata divisa. L’Accademia Aeronautica si trova a Pozzuoli e si propone di scegliere, formare e ispirare comandanti e professionisti esemplari, determinati a servire con eccellenza e dedizione il nostro Paese. Ecco quindi le informazioni necessarie in vista dell’uscita del bando per il concorso del 2020, che solitamente esce proprio in questo periodo.


Accademia Aeronautica: quali lauree è possibile ottenere?

L'Accademia Aeronautica è un Istituto militare di studi superiori a carattere universitario per la formazione dei giovani che aspirano a diventare Ufficiali dell'Aeronautica Militare in servizio permanente. Al termine del terzo anno si acquisisce il grado di sottotenente delle rispettive Armi e Corpi. All’interno dell’Accademia è possibile ottenere la laurea di primo livello dopo i primi tre anni, e la laurea magistrale dopo un ulteriore biennio.
Il tipo di percorso si diversifica a seconda della specializzazione che si vuole ottenere:
  • Gli allievi del ruolo naviganti e del ruolo delle armi frequentano il corso di laurea in Gestione dei Sistemi Aerospaziali per la Difesa cui seguirà la conseguente laurea magistrale, in convenzione con il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell'Università degli Studi "Federico II" di Napoli.
  • Gli allievi del Corpo del Genio Aeronautico possono conseguire la laurea in Ingegneria Aerospaziale, Civile, Elettronica o Telecomunicazioni e della laurea magistrale in Ingegneria Aerospaziale, Elettronica, Telecomunicazioni o Strutturale e Geotecnica, sulla base delle esigenze stabilite dalla Forza Armata e, per quanto possibile, delle loro preferenze.
  • Gli allievi del Corpo di Commissariato Aeronautico seguono un iter di studi finalizzato al conseguimento della laurea magistrale in Giurisprudenza.
  • Gli allievi del Corpo Sanitario Aeronautico seguono un iter di studi finalizzato al conseguimento della laurea magistrale in Medicina e Chirurgia.

Accademia Aeronautica: il percorso di chi vuole diventare pilota

Gli allievi piloti avranno l’opportunità di fare un percorso dedicato a diventare professionisti del volo. Dopo l'ingresso in Accademia, vengono infatti inviati presso il 70° Stormo di Latina per la selezione al volo ed il conseguimento del brevetto di pilota d'aeroplano.
L'addestramento al volo prosegue durante gli anni successivi con il conseguimento del brevetto di pilota d'aliante, cui segue un'attività di mantenimento dello stesso e una fase addestrativa su idrovolante. Terminato il corso in Accademia, i piloti, che avranno ottenuto il grado di Sottotenenti, vengono inviati, per il conseguimento del Brevetto di pilota militare, prima presso il 70° Stormo di Latina o di Kalamata (Grecia) e, quindi, presso il 61° Stormo di Lecce oppure presso la base aerea di addestramento al volo di Sheppard (Texas -Stati Uniti) dove frequentano il programma ENJJPT (Euro Nato Joint Jet Pilot Training), consesso internazionale cui aderisce anche l'Italia.

Accademia Aeronautica: tutte le opportunità formative

Nell'ambito della formazione tecnico-militare, per chi frequenta l’Accademia Aeronautica è previsto lo svolgimento di corsi di lingua inglese (in Italia e in Inghilterra), corsi e tirocini presso enti operativi, industrie aeronautiche e centri di ricerca aerospaziale, corsi di sopravvivenza in mare e montagna, di paracadutismo, di volo a vela.
La formazione degli allievi prevede, inoltre, lo svolgimento, con frequenza giornaliera, di addestramento formale e attività sportiva tra cui corsi di vela, di immersione subacquea e snorkeling.
Alla fine del terzo anno, gli allievi parteciperanno a un viaggio d'istruzione all'estero che interessa sia Paesi europei che extraeuropei, con visite a Reparti ed Enti di ricerca o sviluppo di interesse per la Difesa.

Accademia Aeronautica: le carriere degli ufficiali

Per chi entra in Accademia Aeronautica, al termine del percorso si apre la carriera di ufficiale con caratteristiche diverse a seconda del ruolo. Ecco quali sono:
  • Arma Aeronautica ruolo naviganti normale (AArnn): PILOTA
  • L’ufficiale pilota, al termine del periodo addestrativo presso le Scuole Volo, riveste il grado di Tenente e, dopo aver acquisito il brevetto di pilota militare, viene destinato ad un Reparto Operativo della Forza Armata dove acquisirà la qualifica di Combat Ready (pronto al combattimento).
  • Arma Aeronautica ruolo normale delle armi (AAran): UFFICIALE DELLE ARMI
  • La carriera degli ufficiali del ruolo normale delle armi inizia nel grado di Sottotenente e prosegue sino a quello massimo di Generale di Squadra. Questi ufficiali svolgono compiti inerenti all’organizzazione ed al funzionamento della Forza Armata, in molteplici settori di attività: la Logistica, le Telecomunicazioni, il Controllo del Traffico Aereo, la Difesa Aerea, la Fotointerpretazione e le Informative Operative, il Soccorso Aereo, la Protezione Locale, e l’Informatica.
  • Corpo del Genio Aeronautico ruolo normale (GArn): INGEGNERE
  • Chi diventa ufficiale del ruolo normale del Corpo del Genio Aeronautico termina il corso in Accademia con il grado di Tenente e, conseguita la laurea magistrale in Ingegneria, viene assegnato ai Reparti di Volo o di Manutenzione. Qui sovrintende all’efficienza dei mezzi e delle infrastrutture aeronautiche svolgendo compiti tecnici inerenti all’armamento, alla progettazione, alla costruzione e all’allestimento dei materiali aeronautici di qualsiasi specie, compresi gli aeromobili e gli immobili dell’Aeronautica Militare nonché al collaudo e alla manutenzione del materiale aeronautico. Gli ufficiali dal grado di Tenente a quello di Tenente Colonnello sono impiegati presso un Ente Tecnico dell’organizzazione operativa periferica e, successivamente, dopo la frequenza del corso di aggiornamento, presso Enti Tecnici centrali.
  • Corpo di Commissariato Aeronautico ruolo normale (CCrn): COMMISSARIO
  • Gli ufficiali dei ruolo normale del Corpo di Commissariato Aeronautico, alla fine del loro percorso, vengono inviati presso i Reparti e gli Enti dell’Aeronautica Militare dove svolgono incarichi con funzioni direttive presso gli uffici periferici del servizio amministrativo. Prosegue la carriera presso gli Enti Centrali con funzioni di studio, gestione amministrativa nonché di consulenza giuridica.
  • Corpo Sanitario Aeronautico ruolo normale (CSArn): MEDICO
  • Dopo la laurea in Medicina e al termine dei corsi regolari, gli ufficiali del ruolo normale del Corpo Sanitario Aeronautico vengono inviati presso i Reparti operativi dell’Aeronautica, dove esercitano funzioni direttive (dirigente di servizio sanitario) e tecnico-professionali tese ad accertare l’idoneità pico-fisica, ai servizi generici e speciali, del personale aeronautico, a curarne l’integrità fisica e tutelarne l’igiene, provvedendo all’allestimento ed ai rifornimenti dei servizi e dei materiali occorrenti ai fini di cui sopra. Prosegue la carriera presso un Istituto di Medicina Aerospaziale o come Capo Ufficio sanitario di Ente dell’organizzazione ministeriale, di vertice o intermedia.

Come accedere all’Accademia Aeronautica

Le informazioni per partecipare al concorso 2020 per l’ammissione all’Accademia Aeronautica sono contenute nel bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale – 4ª serie speciale, solitamente tra dicembre e gennaio.
Il bando, ogni anno, stabilisce i posti disponibili per i vari ruoli, i requisiti e le modalità di selezione. Il concorso prevede lo svolgimento di diverse prove, il cui superamento dà accesso alla successiva, fino alla graduatoria finale.
Ulteriori informazioni possono essere richieste a:
  • Stato Maggiore Aeronautica 5° Reparto - Ufficio Relazioni con il Pubblico, viale dell’Università 4 Roma, telefono 0649866626;
  • Accademia Aeronautica – Ufficio Concorsi, Via San Gennaro Agnano 30, 80078 - Pozzuoli (NA), telefono 0817355474, 0817355585 - fax 0817355083.
È possibile poi consultare il sito internet www.aeronautica.difesa.it o scrivere per posta elettronica alle caselle: mail_placeholder e mail_placeholder