“Prima di domani”: e tu sopravviveresti al tuo ultimo giorno?

Prima di domani
In collaborazione con Prima di domani

Nerve-spettatore-o-giocatore-uscita

Spesso si fanno battute come “Attento, non hai 7 vite come i gatti”. Ma se ti dessero la possibilità di cambiare il tuo ultimo giorno per cercare di non morire, cosa faresti? Cosa cambieresti, sapendo che hai 24 ore di tempo per capire cosa devi fare per non morire?
Queste domande se le è poste anche Samantha Kingston, protagonista di Prima di domani, il nuovo film della Eagle Pictures, ispirato al libro E finalmente ti dirò addio di Lauren Oliver. Il film, girato da Ry Russo Young, uscirà nelle sale il 19 Luglio.

Vita perfetta o quasi?

Samantha vive il sogno di chiunque ami lo stereotipo della popolarità, tipico degli studenti dei film americani: è perfetta, amata da tutti, sta con il ragazzo più bello della scuola, ha tre amiche altrettanto belle e perfette. Cosa le potrebbe andare storto?
Senza sapere come, però, Samantha entrerà in un vortice temporale che le farà ripetere sempre lo stesso giorno: il 12 Febbraio. Però non si tratta di un giorno qualsiasi: è quello in cui morirà. Bloccata in questo loop temporale, si sveglierà nel suo letto - sempre il 12 Febbraio - ancora viva. Superata l’incomprensione e la paura iniziale, cercherà un modo per uscire da questo vortice.

“Diventa ciò che sei”

Samantha capirà come sopravvivere al suo ultimo giorno? Nei suoi tentativi, ripetuti per 7 volte, conosceremo una ragazza diversa: da egoista, odiosa e meschina, inizierà a capire quali sono le cose importanti della vita, smetterà di prendere in giro le persone in difficoltà, cercherà di scoprire se è una persona buona.
Ma riuscirà davvero ad uscire da questa situazione ai confini della realtà? Per scoprirlo, corri a vedere il film al cinema!

Non perderti "Prima di domani" dal 19 luglio al cinema! >>>