Aria condizionata in macchina, rischi quasi 500 euro di multa!

Leggo
In collaborazione con Leggo

multa per aria condizionata accesa con la macchina ferma

Prendere la macchina d’estate, soprattutto di giorno, quando le temperature sono roventi, è quasi una prova di coraggio. Se fuori ci sono più di 30 gradi è facile che all’interno dell’abitacolo ce ne siano almeno dieci di più. Ma la soluzione è a portata di mano: accendere il motore, mettere in funzione l’aria condizionata al massimo della potenza e aspettare qualche minuto che l’auto diventi bella fresca. Ma, è bene saperlo, non è proprio un’ottima idea. Il vostro portafogli potrebbe risentirne. Parecchio. A scriverlo Leggo.it.

Auto fresca? Sì, ma solo se in movimento

Perché tenere il climatizzatore acceso con la macchina ferma è un’infrazione al Codice di strada. Strano ma assolutamente vero. L’articolo 157 comma 7-bis, infatti, punisce i guidatori che non spengono l’aria quando il veicolo non è in movimento. E le sanzioni sono veramente salate: si rischia una multa che oscilla tra i 216 e i 432 euro. Unica eccezione: le soste brevi, per far scendere e salire le persone dal mezzo. Un norma che, tra l’altro, vale anche nel caso opposto, quando fa molto freddo e si ha la tentazione di riscaldare la macchina prima di incamminarsi.

Quando ci si ferma spegnere il motore: l’ambiente ringrazierà

Il motivo di tanta severità? La salvaguardia dell’ambiente: lasciando il motore accesso senza spostare il veicolo si inquina ‘gratuitamente’, senza che ce ne sia un effettiva necessità. Probabilmente la maggior parte delle persone, fino ad oggi, lo hanno fatto in buona fede. Ma conoscendo il rischio che si corre è facile immaginare che in parecchi ci penseranno bene prima di rifarlo. A volte sudare un po’ è la scelta più saggia. Se non altro ‘conviene’.