10 cose che solo i pendolari possono capire

Redazione
Di Redazione

La sveglia che suono a un orario in cui dovrebbe essere legale lanciarla fuori dalla finestra bestemmiando tutte le divinità greche, il treno sempre in ritardo. Vediamo gli aspetti peggiori di essere un pendolare.

"pendolari"
La sveglia che suono a un orario in cui dovrebbe essere legale lanciarla fuori dalla finestra bestemmiando tutte le divinità greche, il treno sempre in ritardo, il compagno di vagone che concretizza a pieno il concetto di ascella pezzata.
Sono solo alcune delle situazione con cui i pendolari entrano a contatto tutti i giorni e che contribuiscono al tic nervoso e al ringhio furibondo prima delle 10 del mattino. Vediamole tutte e facciamoci forza:

Svegliarsi a orari impensabili


[embed]http://giphy.com/gifs/tired-morning-monday-HhKcQ8k2Wp1Xq[/embed]
Quando sentite il compagno di corso lamentarsi della sveglia presto vorreste infilargli un righello in gola? Tutto regolare, specie se voi per arrivare in tempo a lezione dovete impostare la sveglia almeno tre ore prima il che significa, a conti fatti, non dormire affatto.

Gli orari dei treni


[embed]http://giphy.com/gifs/rockymovie-movie-rocky-sylvester-stallone-1iTH1WIUjM0VATSw[/embed]
Leggenda narra che sia più facile trovare un paio di scarpe numero 37 ai saldi di Zara che incrociare un treno in orario il che non sarebbe drammatico se non accadesse sempre il giorno in cui il docente prende le firme o quando c’è un esame.

La puzza nei vagoni


[embed]http://giphy.com/gifs/justin-g-stinky-stink-stench-3o7ZezSB4ckAYlcCRy[/embed]
La stessa leggenda narra che non ci si può definire pendolare a pieno titolo se non si sono inalati almeno 10 aromi diversi misto sudore-caffè-alito mattutino del proprio vicino di posto.

La nausea durante il viaggio


[embed]http://giphy.com/gifs/michael-j-fox-parkinsons-2xHY2eHERFaNO[/embed]
Gli ignari sconosciuti del mondo dei pendolari affermano con certezza che è “bello farsi un viaggio in treno, almeno hai tempo per ripassare”. Certo, se non fosse che leggere la l’episodio della madeleine di Proust con i sobbalzi del treno equivale a far conoscere a tutto il vagone le portate della cena del giorno prima.

Il telefono che si scarica


[embed]http://giphy.com/gifs/QLXWWbvdxe7zG[/embed]
L’unico conforto per un pendolare è il proprio cellulare che tiene compagnia nelle lunghe ore infruttuose di viaggio e tutti conoscono il dramma della batteria rossa quando mancano ancora 45 minuti e non si ha neanche una rivista.

Le auricolari dimenticate


[embed]http://giphy.com/gifs/usa-freedom-countries-k61nOBRRBMxva[/embed]
Ascoltare la musica è l’unica cosa che rende il viaggio del pendolare appena più sopportabile del Prozac ma tutti hanno sperimentato il dramma, prima o poi, di aprire la borsa e accorgersi di averle dimenticate a casa.

Non poter fare programmi


[embed]http://giphy.com/gifs/disney-sad-crying-8GiZ1TPvitkgU[/embed]
Tutti i colleghi di corso che abitano nelle vicinanze si organizzano per ripassi, aperitivi e quizzettoni e tu devi sempre rinunciare per il rischio di rimanere a piedi o nel migliore dei casi a chiedere asilo ai senzatetto in stazione.

Il compagno di posto chiacchierone


[embed]http://giphy.com/gifs/quinn-stop-talking-constance-zimmer-l46CmiknqLWX0UjjW[/embed]
Sono le 8 del mattino, non avete ancora fatto colazione e vi aspetta un’intera giornata in facoltà ma tutto questo non sembra interessare il vicino di posto che troverà intelligente snocciolarvi tutta la sua vita dal battesimo al matrimonio mentre vi tocca amichevolmente il braccio.

Il senso di sporco a fine giornata


[embed]http://giphy.com/gifs/KGu84F46kS3DO[/embed]
Trascorrere 4 ore su 8 nel vagone di un treno significa arrivare a casa non solo stanchi della giornata ma anche con una sensazione di sporcizia e smog che rende indispensabile una doccia sventra-pelle ogni sera.

Il costo dell’abbonamento


[embed]http://giphy.com/gifs/transparentfeed-far-east-movement-l46CiZJdv79fv7FMA[/embed]
Già studiare all’università richiede un esborso economico non indifferente tra libri, tasse e fotocopie ma il pendolare deve aggiungere anche il costo del biglietto del treno o di un abbonamento il che significa diverse pizze in meno.

Skuola | TV
Buone vacanze!

La Skuola Tv torna a settembre, nel frattempo continua a seguirci!

1 settembre 2020 ore 11:00

Segui la diretta