Ominide 22 punti

La storia dei Beatles

La storia dei Beatles ebbe inizio il 6 luglio del 1957 nella chiesa di st. Peter a Liverpool in occasione della festa patronale.
Inizialmente il gruppo si chiamava Quarrymen ed era composto da John Lennon e Paul McCartney.
John invitò Paul nonostante sapesse che doveva condividere la leadership con lui.
Pochi mesi dopo la formazione del gruppo Lennon ammise anche George Harrison, e nel 1960 fu ammesso Sutcliffe che divenne bassista.
Il 16 agosto dello stesso anno i quattro si inventarono il nome Beatles.
Il periodo di Amburgo(1960-1962)
Ad Amburgo avvenne una vera e propria trasformazione perché il proprietario del locale nel quale si esibivano li costrinse a dare il massimo volume e così la loro musica acquistò potenza e consapevolezza.
La prima volta che i Beatles si esibirono con un contratto fu il 17 agosto 1960 ad Amburgo.
Gli esordi in studio (1962-1963)

Quando tornarono a Liverpool il gruppo attrasse l’ attenzione da parte di tanti manager ,infatti il primo fu Brian Epstein.

Epstein portò un tocco di professionalità ,infatti nel giro di pochissimi mesi i Beatles ottenero un provino con la Decca Records
Brian inoltre pensava che fosse convincente presentarsi con un disco piuttosto che con i nastri.
George Martin che era responsabile dell‘ etichetta sussidiaria Parlophone , e si occupava in particolare di jazz e musica classica ,quindi lontano dal genere musicale del gruppo quindi ritenne necessario concedergli un provino che avvenne il 6 giugno del 1962 dove i Beatles ottennero il primo contratto discografico.
La prima sessione avvenne il 4 settembre dello stesso anno dove qui si incise Love me do che in poche settimane raggiunse il diciassettesimo posto nella classifica del Regno Unito,comunque a Liverpool divenne famoso.
Altri brani che ottennero successo furono Please Please e With the Beatles.
La scalata al successo (1963-1966) Le tournèe
Il 1963 fu l’anno in cui esplose la popolarità del gruppo ,ne è un esempio la nascita di dei fan club dedicati interamente ai Beatles che ottennero più di ottantamila adesioni
Tra il marzo e il febbraio i giovani furono sempre in tournèe , infatti girano numerosi locali e contemporaneamente si esibivano per delle stazioni radiofoniche svedesi.
Inoltre la loro fama nacque anche grazie agli spettacoli televisivi,show musicali,la loro immagine,la pettinatura e i vestiti fece nascere tra i giovani la beatlemania.
I Beatles fecero una tournèe a New York,che riscontrò molto successo e poi ne fecero altre nel nord Europa, ad Hong Kong, Australia e Nuova Zelanda.

I Beatles inoltre parteciparono ad una tournèe italiana a Milano che avvenne tra il 24-25 Giugno 1965.
Nello stesso anno il gruppo ricevette esattamente il 26 Ottobre le onorificenze di Buckingham Palace dall’attuale regina.
Il 1965 si chiuse con una tournèe in Gran Bretagna.
L’anno successivo effettuarono vari tour in oriente ,per poi ritornare negli Stati Uniti e subire una contestazione da parte di gruppi religiosi perché Lennon affermava che i Beatles fossero più famosi di Gesù.
Il loro ultimo tour avvenne il 26 agosto del 1966 a San Francisco
Verso la maturità (1964-1965)
A Hard Day’s night fu il loro migliore album fino a quel momento.
La vetta artistica (1966-1967)
la maturità dei Beatles secondo i critici brittanici avvenne tra il 1966-1967 a causa della pubblicazione di Revolver che è considerato il picco della loro creatività.
Questo brano parla di droga,amore,tasse ma anche tarma che è un sistema politico inglese .
È stato interamente composto e cantato da George Harrison.
Qui possiamo incontrare strumenti indiani e molte innovazioni tecnologiche .
A partire dal 27 agosto 1967 i Beatles dovettero fare a meno del loro manager Epstein
I primi contrasti (1968)
Il 1968 si aprì con un viaggio in India.
Al ritorno John e Paul volarono a New York per la presentazione della Apple e dell’inedito sistema operativo macintosh .
Grazie ad un ulteriore soggiorno in India nacque il doppio The Beatles.
Il primo disco del duo uscì nel 1968,dove è evidente la perdita di coesione del gruppo,ma anche la messa in mostra in maniera positiva di Harrison.
L’album ,presenta spunti innovativi psichedelici e sonorità di contaminazione jazz,blues e musica etnica
La fine (1969-1970)
Per rimediare ai litigi interni ,nacque l’idea di tornare alle origini con un disco più spontaneo e meno ricercato,registrato in diretta senza le ricercatezze e le elaborazioni in studio dei loro ultimi lavori.
Dopo molte ipotesi tra cui quelle di tenere ,un concerto di chiusura su una nave ,in un anfiteatro o nella cattedrale di Liverpool,si decise di tenere il 30 gennaio 1969 un concerto dal vivo.
In questo periodo i Beatles scrissero i loro ultimi brani , però McCartney componeva album da solisti .
L ‘ultima canzone del gruppo fu I Me Mine.
La presunta morte di Paul
La leggenda più forse è la prima leggenda metropolitana del rock ,fu quella della morte di McCartney fu quella del 1969 nella quale dove il bassista sarebbe deceduto tre anni prima in un incidente stradale e sarebbe stato sostituito da un sosia .
Secondo alcuni il sosia sarebbe William Campbell ,un ex poliziotto che si sarebbe sottoposto a delicatissimi interventi di chirurgia plastica estetica per assomigliare al bassista.
Infatti secondo alcune analisi effettuate in Italia ,hanno confermato che qualcosa di strano c’ è, perché si possono notare particolari differenze nel suo volto .
L’importanza musicale e culturale
Lascito artistico
Il termine Beatles si riferiva al battito comunità del ritmo.
Le canzoni dei Beatles attingevano soprattutto al rock and roll e al blues ,accogliendo anche diverse influenze musicali.
Paul McCartney aveva scoperto che muovendo la testina di cancellazione del registratore e incidendo ripetutamente il medesimo nastro ,questo si saturava producendo suoni distorti.
Questa tecnica apparentemente casuale ed effimera avrebbe nei decenni successivi aperto le porte alla musica impostata sulla ripetizione ciclica di frasi musicali.
Con le loro doti creative e compositive i Beatles sono riusciti a coniugare dei prodotti fruiti da un’ampia massa di consumatori dell’età più varia.
Eredità culturale
Le foto e i filmati dei loro concerti testimoniano il fatto che il gruppo fu’ immediatamente un fenomeno musicale e commerciale di vastissima eco, ed ebbe un influsso non solo musicale, ma anche culturale, letterario e sociologico anche oltre la Gran Bretagna.
I componenti dei Beatles
John Lennon: Con Paul McCartney scrisse la maggior parte delle canzoni dei Beatles.
Paul McCartney: Dopo i Beatles fondò i Wings, scioltisi nel 1980.
George Harrison: I suoi brani sono spesso innovativi e diversi dalla linea melodica del gruppo.
Ringo Starr: Non particolarmente dotato come cantante ebbe in quasi tutti gli album una traccia da interpretare. Per i Beatles compose solo due canzoni.
Le più importanti personalità che hanno affiancato i Beatles sia prima della loro esplosione che durante le loro attività sono: Stuart Sutcliffe ,Pete Best, Brian Epstein, George Martin e Billy Preston.

Hai bisogno di aiuto in Musica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità