Tutor 40720 punti

figure retoriche dell'introduzione dei Promessi Sposi

Figure retoriche principali presenti nell'introduzione dei Promessi Sposi


Nell'introduzione dei Promessi Sposi è presente in particolar modo una figura retorica, la metafora che consiste nello specifico nel sostituire un determinato termine proprio con uno di tipo figurato successivamente ad una vera e propria trasposizione di tipo simbolico di immagini.
L'introduzione è scritta con uno stile tipicamente barocco, i cui il Manzoni immagina di avere trovato un antico manoscritto del Seicento che lui poi avrebbe trovato, avendo anche l'intenzione di ricopiarlo. Questo anonimo scrittore del 1600 conoscerebbe poco lo stile del Seicento, pertanto utilizza un registro linguistico parecchio ampolloso e ricchissimo di metafore all'interno del testo.
Il manoscritto che l'autore dei Promessi Sposi dice di avere ritrovato presenta anche delle vere e proprie particolarità ortografiche e risulta essere scritto in uno stile molto ricercato che sembra quasi prendere in giro lo stile linguistico del Seicento spagnolesco.

Tra le metafore ricorrenti nell'introduzione dei Promessi Sposi vi è ad esempio quella sulla storia che è paragonata a una vera e propria battaglia contro il tempo. Ecco a tal proposito Il testo introduttivo dei Promessi Sposi, in cui è ricorrente l'uso di metafore, analogie, similitudini:

"L'Historia si può veramente deffinire una guerra illustre contro il Tempo, perché togliendoli di mano gl'anni suoi prigionieri, anzi già fatti cadaueri, li richiama in vita, li passa in rassegna, e li schiera di nuovo in battaglia. Ma gl'illustri Campioni che in tal Arringo fanno messe di Palme e d'Allori, rapiscono solo che le sole spoglie più sfarzose e brillanti, imbalsamando co' loro inchiostri le Imprese de Prencipi e Potentati, e qualificati Personaggj, e trapontando coll'ago finissimo dell'ingegno i fili d'oro e di seta, che formano un perpetuo ricamo di Attioni gloriose. Però alla mia debolezza non è lecito solleuarsi a tal'argomenti, e sublimità pericolose, con aggirarsi tra Labirinti de' Politici maneggj, et il rimbombo de' bellici Oricalchi: solo che hauendo hauuto notitia di fatti memorabili, se ben capitorno a gente meccaniche, e di piccol affare, mi accingo di lasciarne memoria a Posteri, con far di tutto schietta e genuinamente il Racconto, ouuero sia Relatione. Nella quale si vedrà in angusto Teatro luttuose Traggedie d'horrori, e Scene di malvaggità grandiosa, con intermezi d'Imprese virtuose e buontà angeliche, opposte alle operationi diaboliche. E veramente, considerando che questi nostri climi sijno sotto l'amparo del Re Cattolico nostro Signore, che è quel Sole che mai tramonta, e che sopra di essi, con riflesso Lume, qual Luna giamai calante, risplenda l'Heroe di nobil Prosapia che pro tempore ne tiene le sue parti, e gl'Amplissimi Senatori quali Stelle fisse, e gl'altri Spettabili Magistrati qual'erranti Pianeti spandino la luce per ogni doue, venendo così a formare un nobilissimo Cielo, altra causale trouar non si può del vederlo tramutato in inferno d'atti tenebrosi, malvaggità e sevitie che dagl'huomini temerarij si vanno moltiplicando, se non se arte e fattura diabolica, attesoché l'humana malitia per sé sola bastar non dourebbe a resistere a tanti Heroi, che con occhij d'Argo e braccj di Briareo, si vanno trafficando per li pubblici emolumenti. Per locché descriuendo questo Racconto auuenuto ne' tempi di mia verde staggione, abbenché la più parte delle persone che vi rappresentano le loro parti, sijno sparite dalla Scena del Mondo, con rendersi tributarij delle Parche, pure per degni rispetti, si tacerà li loro nomi, cioè la parentela, et il medesmo si farà de' luochi, solo indicando li Territorij generaliter. Né alcuno dirà questa sij imperfettione del Racconto, e defformità di questo mio rozzo Parto, a meno questo tale Critico non sij persona affatto diggiuna della Filosofia: che quanto agl'huomini in essa versati, ben vederanno nulla mancare alla sostanza di detta Narratione. Imperciocché, essendo cosa evidente, e da verun negata non essere i nomi se non puri purissimi accidenti..."

Sempre nel testo introduttivo dell'opera manzoniana viene anche fatto un continuo ricorso alle fonti storiche:

"Taluni però di que' fatti, certi costumi descritti dal nostro autore, c'eran sembrati così nuovi, così strani, per non dir peggio, che [...] abbiam voluto interrogare altri testimoni; e ci siam messi a frugar nelle memorie di quel tempo, per chiarirci se veramente il mondo camminasse allora a quel modo. Una tale indagine dissipò tutti i nostri dubbi [...]"

Hai bisogno di aiuto in Riassunto Promessi Sposi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Figure retoriche nei Promessi Sposi