Ominide 76 punti

Relazione dettagliata "Io non ho paura" di Niccolò Ammaniti

Relazione libro “Io non ho paura”


Titolo: “Io non ho paura”
Significato: “io non ho paura” è la frase di incoraggiamento che viene spesso usata dal protagonista verso se stesso Autore: Niccolò Ammaniti
Struttura e divisione in capitoli: il libro è diviso in 10 capitoli concatenati tra loro. Le scene vengono raccontate con la stessa velocità anche se sono presenti vari flashback e monologhi interiori.
Breve sintesi: la storia si svolge in una piccola frazione del sud Italia, Acqua Traverse, e ha come protagonista Michele Amitrano, un bambino di nove anni. Un giorno viene obbligato a fare una penitenza dal Teschio, un suo amico, per aver perso una sfida: doveva avventurarsi in una casa disabitata arrivando al piano superiore senza utilizzare le scale e una volta salito scendere buttandosi da un davanzale. Dopo essere atterrato in malo modo su un materasso, scoprì che sotto di esso vi era una lastra che copriva un buco, nel quale era imprigionato un bambino chiamato Filippo Carducci. Scoprirà che i responsabili del rapimento sono suo padre e un suo amico ed altri abitanti del paese. Michele non riesce a tenere il suo segreto per sè, così lo racconta al suo migliore amico Salvatore, che lo tradisce. Viene così scoperto proprio mentre fa visita a Filippo e il padre gli ordina di non avvicinarsi mai più o verrà ucciso. Un pomeriggio, insieme agli amici, torna alla buca e scopre che il bambino è stato spostato. Sente discorsi del padre e degli altri compaesani riuniti in casa sua, che hanno deciso di ucciderlo. Allora il bambino si avventura nella notte, lo cerca e lo libera. Filippo riesce a scappare ma Michele viene ferito dal padre, che, non riconoscendolo, gli spara ad una gamba. I due bambini si salvano e il padre viene arrestato.
Luoghi la vicenda si svolge ad acqua traverse frazione di Lucignano un piccolo paese disperso tra i campi di grano prevalentemente in luoghi aperti che fanno da sfondo alla storia e talvolta in luoghi chiusi come la casa di Michele o la buca di Filippo gli spazi sono descritti dettagliatamente e soggettivamente, spesso con gli occhi di un bambino di nove anni. Hanno funzione di sfondo è simbolo della vicenda.
Tempo: la vicenda si svolge nell’estate del 1977 e dura due/tre mesi, il periodo è ben definibile per la presenza di date. L’andatura è regolare, con qualche flashback ogni tanto.
Personaggi: Michele Amitrano: ha nove anni ed è il protagonista del libro. Non viene descritto fisicamente ma possiamo comprendere che è un bambino generoso, coraggioso e altruista. Il desiderio di conoscenza e avventura lo portano spesso e volentieri a cacciarsi nei guai. Ha una sorellina, Maria Amitrano, di cinque anni, che ama fare tutto ciò che fa lui.
Filippo Carducci: è il bambino che è stato rapito mentre usciva da scuola. Ha nove anni ed è biondo, è stato rinchiuso in una fossa in cattive condizioni. Alla fine del romanzo Michele riesce a liberarlo e si salverà.
Antonio Natale: detto il Teschio è il più grande della banda nonché il capo ed ha 12 anni. Tra tutti è il più spericolato e cattivo infatti è lui che decide le penitenze da far fare a chi ha perso ad un gioco e spesso e volentieri sono crudeli. il suo soprannome è stato dato perché una volta si era appiccicato sul braccio un teschio, «una di quelle decalcomanie che si compravano dal tabaccaio e si attaccavano con l’acqua»
Salvatore Scardaccione: è il migliore amico di Michele e sono in classe insieme. È un ragazzino piuttosto solitario, è molto più sveglio del Teschio. Suo padre, un importante avvocato a Roma, permetteva alla sua famiglia di vivere agiatamente
Remo Marzano: di lui non si parla molto, è un bambino che fa parte del gruppo di giochi di Michele, segue la mischia, non prende decisioni proprie nel corso del romanzo.
Barbara Mura: ragazzina di 11 anni un po’ sovrappeso e perciò presa sempre di mira dai compagni di gioco. È quasi sempre lei che deve scontare le penitenze del Teschio dato che nelle gare arriva sempre ultima. Si innamora di Michele chiedendogli anche il fidanzamento, ma non viene corrisposta. Ha paura di rimanere sola, ecco perché sopporta gli scherzi e le penitenze degli altri.
Pino Amitrano: è il padre di Michele, lavora come camionista, spesso è fuori casa per lavoro ma è coinvolto nel rapimento di Filippo Carducci. È un uomo basso, mingherlino e porta la barba. Sua moglie Teresa ha 33 anni, ha capelli lunghi e neri, due occhi scuri e grandi denti forti e bianchi e il mento a punta. Viene descritto il suo lavoro costante come casalinga, così costante che «non sedeva mai a tavola con noi»
Sergio: è un uomo anziano, capo del clan e anche il responsabile del rapimento di Filippo Carducci. Alloggia ospite a casa Amitrano, incute timore e ha modi di fare non molto gentili. Michele ne è terrorizzato tanto che non vuole condividere la stanza con lui.
Felice Natale: è il fratello maggiore del Teschio, ha vent’anni ed è cattivo, infatti picchia i più deboli e disturba i giochi dei bambini. Veste con pantaloni mimetici e giacche militari, non ha né amici né una fidanzata. È l’esecutore materiale del sequestro di Filippo Carducci.
Livello della narrazione: il narratore è interno e palese con punto di vista interno.
Tecniche stilistiche: la struttura del periodo è di tipo paratattico, i pensieri dei personaggi sono presentati mediante il discorso diretto e il monologo interiore.
Linguaggio: il linguaggio è medio o comune con inserimento di espressioni dialettali. L’aggettivazione è ricca e vi è uso di similitudini.
Tematiche: rapimento, maltrattamenti fisici e psicologici, mafia e criminalità, disoccupazione, coraggio, avventura.
Scopo: lo scopo per cui è stato redatto il testo è per informare sui problemi che affliggono il sud Italia e per emozionare il lettore.
Interpretazione personale: questo romanzo mi è piaciuto molto perché l’autore avuto la capacità di mantenere costante la voglia di continuare a leggere.
Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email