Sapiens Sapiens 11888 punti

Tema: Compito in classe


Sto per entrare in classe: oggi ho un batticuore che non riesco a dominare … e che espressione preoccupata e seria hanno i miei compagni!
È giovedì: il giorno del compito in classe di matematica.
Sulla classe incombe un’atmosfera di ansia e di “paura”.
Mentre prendo posto nel banco osservo i miei compagni: alcuni gironzolano per la classe, forse chiedendo conforto a qualche “confratello”, altri più seri e più tranquilli siedono nel loro banco impassibili mentre qualche bambina chiacchierona confabula con la compagna o rovista nella cartella in cerca di chissà cosa.
Ecco la professoressa! Tutti ci alziamo in piedi, sull’attenti per salutarla; poi con gran rumore tutti si siedono, lasciando sfuggire qualche gemito o qualche profondo sospiro.
E così, in quest’atmosfera non certo allegra, la professoressa detta il problema. La sua voce è chiara e calma, il suo sguardo dietro le lenti sereno e incoraggiante.
Quando la dettatura è finita si odono vari bisbigli, ma presto tutti si mettono al lavoro.
La classe è diventata silenziosa: le teste son chine suoi fogli: si sente solo il leggero scorrere della matita della professoressa che corregge i compiti di cosa e delle penne degli alunni…
Alcuni affrontano subito con slancio la soluzione; altri gli occhi al cielo in cerca di ispirazione; altri ancora si infilano la penna nei capelli perplessi di fronte alla prima difficoltà.
C’è chi si agita nel banco, chi impassibile continua il suo lavoro, chi fa la “giraffa” per arrivare a sbirciare il compito del vicino, chi ha già le gote accese per il fervore che mette nel fare i calcoli.
Qualcuno bisbiglia misteriosi soliloqui con aria rapita “sette più nove… sei volte quattro…” ed ecco vengon lanciati drammatici S.O.S dai compagni in alto mare …
Ognuno di noi reagisce secondo il proprio carattere; quello che è certo è che anche i più sventati mettono tutta la loro buona volontà per superare la pronta che è loro davanti.
Anche la nostra insegnante è certo impaziente di vedere i nostri compiti: i frutti del suo duro lavoro!
L’ora sta per finire; i più svelti hanno già consegnato mentre gli altri arrancano faticosamente sulle ultime cifre e già la matita rosso-blu dell’insegnante cala inesorabile sui primi fogli consegnati.
Il suo volto si rabbuia segnando un brutto voto, si illumina segnando un bell’otto. La girandola dei voti incomincia, il compito in classe è giunto alla conclusione: successi, sconfitte, gioie, piccoli, grandi dispiaceri!
Quanti compiti in classe ci aspettano ancora! Li vedo come tanti ostacoli che dovremo saltare con slancio nel lungo percorso della nostra vita scolastica.
Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze