Algoritmi di ordinamento


In ambito informatico notevole importanza viene ricoperta dagli algoritmi di ordinamento; difatti un buon algoritmo di ordinamento permette di ridurre i tempi di lavorazione della CPU (Central Processing Unit) anche del 30% con notevoli benefici per quanto riguarda le performance.
Esistono diverse tipologie di algoritmi, tra tutti i più importanti sono quelli iterativi e quelli ricorsivi; ogni algoritmo a sua volta possiede delle caratteristiche di stabilità e funzionamento in loco dipendente dal ragionamento utilizzato per l’algoritmo.
Tra gli algoritmi iterativi più comuni vi sono il bubble sort, l’insertion sort, il selection sort.
  • Bubble Sort: consiste in una sorta di galleggiamento dell’elemento maggiore fino all’ultima casella non ordinata del vettore scorrendo gli elementi non ordinati (in modo da controllare quale di loro sia il maggiore); algoritmo in loco e stabile di complessità O(n^2);
  • Insertion Sort: consiste in un controllo crescente sul vettore confrontando di volta in volta il primo elemento non ordinato con quelli precedenti (ordinati) spostando gli elementi nella parte sinistra (ordinata); algoritmo in loco e stabile di complessità O(n^2);
  • Selection Sort: consiste nella ricerca, fino a vettore ordinato, dell’elemento minimo e nello spostarlo nella prima cella non ordinata; algoritmo in loco non stabile di complessità O(n^2).

Hai bisogno di aiuto in Informatica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità