Nicky83 di Nicky83
VIP 5230 punti

IL NOMINATIVO

Questa è una costruzione che si fa con i verbi copulativi, con videor, iubeo, al passivo e col deponente, e con i verbi intransitivi che non sono mai di movimento.

Alcuni di questi reggono il doppio nominativo: soggetto e predicativo del soggetto sono messi allo stesso caso.

VIDEOR
- Come passivo di video è tradotto “io sono visto” e regge il c. d’agente come in italiano.
- Con il significato di sembrare e apparire è utilizzato alla forma impersonale (3° pers. sing.) in italiano, ma non in latino. (videtur

[math]\to[/math]
sembra; visum est
[math]\to[/math]
sembrò)

A me sembra che Eleonora sia acida.

[math]\to[/math]
Qui il soggetto è impersonale.
Eleonora sembra a me acida.
[math]\to[/math]
Avendo il latino bisogno di un soggetto, diventa personale.

“Sembra” regge il pred. del soggetto “acida” che, insieme al soggetto Eleonora, è al nominativo. É anche l’unico caso in cui l’infinitiva (Eleonora sembra a me essere acida) regge il nominativo.

Si forma anche con verbi rigorosamente impersonali
- riferiti ad agenti atmosferici;
- taedet, miseret, paenitet, piget, pudet

[math]\to[/math]
il loro paradigma è messo alla 3° persona

A volte videor si può trovare alla forma impersonale (3° pers. sing.), ciò accade nei casi seguenti:
- Sembrare bene, sembrare opportuno, soprattutto in forme incidentali,
- Quando legato ad un aggettivo neutro. In questo caso subito dopo il verbo l’inficitiva regge l’accusativo e si ripristina la regola normale.
- Se l’infinito è formato da uno dei verbi strettamente impersonali. Questo è all’infinito e videor è alla forma impersonale.

Titus Antoninus (sogg.) pius (pred. sogg.) propter clementia (c. causa) dictus est (v. copulativo).

Defuncto Traiano (abl. ass.), A. Hadrianus (sogg.) creditus (p.n.) est princeps (pred. sogg.).

Haec tibi ridicula violentur.

[math]\to[/math]
Queste cose ti sembrano ridicole.

In una traduzione è però meglio tradurre con l’impersonalita

[math]\to[/math]
A te sembra che queste cose siano ridicole.

Si tibi tristior factus esse violebor, cogita me amatissimum illus fortis clarisque viri fuisse.

[math]\to[/math]
Se ti sembrerò essere diventato alquanto triste, pensa che io sono stato molto amato da quell’uomo forte e famoso.

Thales primus (nom.) defectiones (sogg. dell’infinitiva in caso nominativo) salis ac lunae praeduxisse (inf.) antiquis visus est (v. copulativo).

[math]\to[/math]
Talete sembrò per primo aver predetto l’eclissi di sole e della luna agli antichi.

Hai bisogno di aiuto in Grammatica latina?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità