Questo appunto contiene un allegato
Operazioni di sommatoria scaricato 0 volte

Gli appunti del professore di economia politica, insegnante a Sociologia presso "La Sapienza" trattano l'argomento riguardante le operazioni di sommatoria. Spiega approfonditamente la matrice generica quadrata n x n (composta cioè da n righe ed n colonne):
x11 ... x12 ... x1i ... x1n
x21 ...
x22 ...
x2i ...x2n... ... ... ... ... ... ... ... ...
x i1 ...
x
i 2 ...
x
ii ...
x
i n
... ... ... ... ... ... ... ... ...
x
n1 ...
x
n2 ...
x
ni ...
x
nn
Il generico elemento di tale matrice, appartenente alla riga i-esima e alla colonna j-esima si indica con il simbolo: xi j . Il primo dei due pedici indica la riga cui appartiene l'elemento, mentre il secondo ne indica la colonna.
Supponiamo di voler sommare gli elementi della riga i-esima e di voler esprimere tale somma in forma compatta attraverso l'operatore di sommatoria.

Osserviamo che gli elementi da sommare sono in numero n; essi hanno in comune il primo dei due pedici, che indica appunto l'appartenenza alla riga i-esima, mentre il secondo pedice assume tutti i valori interi tra 1 ed n (un numero naturale maggiore di 1), ad indicare le diverse colonne della matrice cui appartengono gli elementi della riga iesima:
xi1 ... xi2 ... xii ... xin
Scriviamo ora
∑ j=1
n
x
i j
Tale simbolo si legge ''sommatoria per j che va da 1 ad n degli xi j '' . Verifichiamo che esso esprima effettivamente la somma di tutti gli elementi della riga iesima. Come abbiamo detto, il pedice j deve assumere tutti i valori interi compresi tra 1 ed n. Quando j assume il valore 1 xi j diventa xi1 , quando j assume il valore 2 xi j diventa xi 2 e così via. Quando j assume l'ultimo valore, pari ad n, xi j diventa xin . Dunque possiamo scrivere:
∑ j=1
n
x
i j
=x
i1
+ x
i 2
+...+ x
i n

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email