Erectus 492 punti

Vita Nova


Prosimetro: 42 capitoli e 3 testi lirici in volgare fiorentino. Il numero imperfetto dei capitoli fa pensare a un'opera incompiuta. La prosa è utilizzata al fine di commentare i versi.

Datazione: 1292-1294; poco tempo dopo la morte di Beatrice.

Amicizia: ricopre un ruolo impotante nell'opera soprattutto per l'influenza di Guinizzelli e Cavalcanti. Dante definisce l'adolescenza (fino ai 25 anni) e la gioventute (fino ai 45).

Contenuto dell'opera: vita nuova ma soprattutto rigenerata dall'amore a partire dal primo incontro con Beatrice.

Il Libello: titolo alternativo dato all'opera che significa "libro della giovinezza". Sottolinea l'importanza della memoria come esperienza sotterrata nell'anima.

I modelli: "Confessioni", autobiografia di Sant'Agostino; "De amicitia" di Cicerone; un'opera filosofica di Boezio e le opere agiografiche.

Stile dei versi: sonetto e canzone in maggioranza; stile dolce e piano, privo di complessità sintattiche poichè l'autore ha un atteggiamento didascalico ( non vuole soltanto narrare ma anche dare un insegnamento). Presenza di metafore e similitudini.

Stile della prosa: chiara, equilibrata, musicale e comunicativa; lessico ricercato e ricco di latinismi; uso frequente del polisindeto.

Genere letterario: Canzoniere, autobiografia del poeta.

Pubblico: ristretto ed elevato. L'opera è infatti indirizzata agli "amici del pensiero", per esempio Cavalcanti.

Temi: l'amore e le sue conseguenze; le caratteristiche e il ruolo dela donna; i sogni e le visioni dell'autore; il saluto dell'amata come fonte di benessere, felicità e salvezza.

Numerologia: sono passati 9 anni (multiplo di tre, numero perfetto)dal primo incontro fra Dante e Beatrice.

Donna dello schermo: Dante fa finta di invaghirsi di un'altra donna, chiamata appunto donna dello schermo, per evitare che si diffondano brutte voci su Beatrice che potrebbero portare la donna a non salutare più il Poeta.

Conclusione dell'opera: Dante ha una visione della quale comunica al lettore soltanto l'effetto stupefacente perchè sarebbe impossibile da spiegare. Questa visione lo impressiona talmente tanto che egli non riuscirà più a scrivere di Beatrice fin quando non si sentirà pronto, ovvero nella Divina Commedia.

Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Dante?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email