Ominide 4865 punti

I processi metabolici comprendono processi esoergonici ed endoergonici.
-I processi esoergonici sono spontanei in quanto non necessitano energia per avvenire. Gli organismi tendono ad uno stato energetico più basso e rilasciano energia libera all’esterno, determinando la diminuzione dell’energia libera nel sistema, perciò, la variazione di energia libera ∆G del sistema risulta negativa.
-I processi endoergonici necessitano di una certa quantità di energia per avvenire, che deve essere fornita al sistema. La variazione di energia libera ∆G è positiva in quanto questi processi fanno aumentare l’energia libera del sistema.
Un processo endoergonico, che normalmente non è spontaneo, può avvenire se viene accoppiato ad un processo esoergonico, che fornisce l’energia necessaria per farlo avvenire. Affinché si realizzi l’accoppiamento non basta che i processi avvengano simultaneamente: ci deve essere un meccanismo tale che l’energia liberata da un processo possa essere utilizzata per far avvenire l’altro.

Consideriamo una reazione endoergonica per produrre B a partire da A. AB; ∆G= +6 kJ/mol
Per avvenire è necessario che essa sia accoppiata ad una reazione esoergonica che liberi una quantità di energia maggiore di quella necessaria per far avvenire la reazione. CD; ∆G= -10 kJ/mol
Complessivamente, il processo risulterà spontaneo. ∆G_AB+ ∆G_CD = 6 kJ/mol – 10 kJ/mol = -4 kJ/mol.

Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email