pser di pser
Ominide 5819 punti

La respirazione: funzionamento

I movimenti respiratori sono due: inspirazione, quando il diaframma si abbassa, i muscoli intercostali si contraggono e la cavità toracica aumenta di volume con i polmoni che seguono questo movimento, facendo sì che la pressione dell’aria presente nei polmoni sia inferiore a quella esterna facendo entrare aria, e l’espirazione con i muscoli e il diaframma che tornano nella posizione originaria facendo uscire CO2. Tale movimento è volontario ma durante la notte l’individuo respira lo stesso: presso il midollo allungato infatti, importante per il sistema nervoso, vi è un centro respiratorio che, quando viene stimolato, invia degli impulsi ai muscoli intercostali per farli contrarre, mentre per l’espirazione vi sono nei polmoni dei recettori sensibili alla dilatazione dei polmoni che inviano degli impulsi inibitori al centro respiratorio, che non stimola più i muscoli intercostali. Il centro respiratorio viene stimolato quando vi è la mancanza di ossigeno segnalata da due tipi recettori posti vicino all’arco aortico, il primo sensibile alla variazione di gas e il secondo che fa avvenire la respirazione, che inviano degli impulsi al centro respiratorio. Il passaggio da O2 a CO2 avviene attraverso la diffusione, il passaggio di sostanze da una soluzione più concentrata ad una meno concentrata, in cui O2 passa dal sangue ai tessuti, dove c’è più CO2.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email