Genius 2742 punti

Settecento - Condizione degli intellettuali

In Inghilterra e in Francia gli intellettuali formano una nuova classe: la borghesia.
L'Italia, invece, era rimasta un pò arretrata: il 60% dell'Arcadia era formato da nobili e da ecclesiastici, tuttavia si diffondeva un nuovo fenomeno, cioè uno spirito di unità tra tutti gli intellettuali. Anche fra gli ecclesiastici nasce una nuova figura, quella dell'abate: si trattava di persone che prendeveno gli ordini minori e godevano di un piccolo beneficio ecclesiastico.
Mentre in Francia il ceto intellettuale si costituiva su una base politica, in Italia il processo fu più lento. Da questa differenza nasce un'altra tipica figura del periodo, l'erudito, che spesso era direttore di una biblioteca.
Furono grandi eruditi dell'epoca Muratori, Maffei e Tiraboschi. Essi diedero vita al fenomeno del giornalismo erudito, che era una rivista che si rivolgeva al pubblico di intellettuali per informarli di nuove ricerche in corso, documenti ritrovati, ecc.

Registrati via email