Quando il prof all'uni se ne infischia del ricevimento...

Cristina Montini
Di Cristina Montini

ricevimento professori

Nel manuale di sopravvivenza di ogni buon studente universitario non può mancare una guida al “Ricevimento dei professori”: come mantenere la calma, come evitare di perdere una intera giornata senza ottenere alcuna informazione utile, come interpretare correttamente gli avvisi sparsi qua e là su bacheche e porte.

A COSA SERVE IL RICEVIMENTO DEI PROF - Il ricevimento dei professori rappresenta un’occasione molto utile per stabilire una relazione con il prof che spesso è distante o che non avete avuto l’occasione di conoscere perché studenti fuorisede, ma soprattutto viene utilizzato per:
- Risolvere problemi relativi all’esame: capire su quale libro o dispense studiare, farsi decifrare capitoli di testo per voi indecifrabili, reperire materiale o libri fuori edizione…

- Risolvere problemi relativi all’esame (Parte2): detto anche “lecchinaggio”, farsi vedere spesso dal prof fingendosi interessati alla materia può aiutare ai fini del superamento dell’esame;
- Chiedere il cambio cattedra (per quegli insegnamenti che sono suddivisi in più canali);
- Tesi: chiedere l’assegnazione della tesi, capire su quale argomento svolgerla, riuscire a farsela correggere/leggere dal prof e avere aiuto per reperire il materiale necessario.

mancare all'appuntamento
I SOLITI PROBLEMI - Caspita quanto è utile il ricevimento dei prof! Sarebbe ancora più funzionale, però, se gli studenti riuscissero veramente ad incontrarlo. Spesso, infatti, ci sono degli ostacoli che generalmente impediscono questo utile incontro e che sono:
- Assenza senza preavviso: quel giorno il prof non si presenterà, un imprevedibile imprevisto gli farà saltare il ricevimento e voi ne venite informati solo una volta arrivati davanti alla porta del suo ufficio dopo mezz’ora che attendete invano;
- Orario non rispettato: il prof non è che non c’è quel giorno, il fatto è che lui viene quando capita. Può succedere, quindi, che vi vada bene e i vostri orari coincidano, buona fortuna;
- Vi rifila l’assistente: lui è troppo impegnato nel momento in cui voi avete bussato alla porta, ma c’è l’assistente X;
- Fa finta di non esserci: succede anche questo. Lui c’è in ufficio, ma è impegnato (come sopra), anzi impegnatissimo e poi manca l’assistente… voi bussate, bussate, ma la porta rimane chiusa: “ritornate la prossima volta”.

CONSIGLI PER SOPRAVVIVERE ALL'UNIVERSIRTA' - Per non perdere il senno e neanche intere giornate a correr dietro al prof, sfruttate due tecniche:
- Email: mandate una mail al prof per accertarvi che sia presente in quel determinato giorno all’università e che sia disposto a ricevervi; ma sfruttate l’email anche per chiedere direttamente così tutte le info che vi servono riguardanti esami, programmi e quant’altro;
- Fatevi amici in segreteria e in ogni dipartimento della vostra facoltà: cioè, spieghiamoci meglio. Contattate telefonicamente le segreterie o i dipartimenti per chiedere direttamente a loro se il prof sarà presente al ricevimento o se ha lasciato qualche avviso, così non vi sposterete inutilmente. E poi considerate che la segreteria didattica è un’utile fonte di informazione che spesso viene ignorata, ma che può fornirvi indicazioni risparmiando tempo.

Cristina Montini

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta