La moda dice no all'anoressia!

Francesca Dominici
Di Francesca Dominici


Da anni il mondo della moda suggerisce lo stereotipo di bellezza femminile, a cui le ragazze dovranno attenersi per essere comunemente etichettate come belle. Purtroppo ultimamente l'ideale della "pin up girl" alta e formosa ha ceduto il posto ad un nuovo tipo di bellezza, più magro, delle volte troppo magro e per questo privo di forme e di ogni sinuosità.

LA MODA DICE STOP ANORESSIA - L'"esaltazione della magrezza" ha insinuato in molte ragazze l'idea che per essere più belle bisogna anche essere molto magre. Questo ideale è stato esasperato fino al punto di far rifiutare il cibo: le stesse modelle confessano di non mangiare per paura di "prendere qualche etto". In risposta al dilagare di questi atteggiamenti, gli stilisti, stanno cambiando i loro gusti in fatto di modelle proponendo una bellezza nuova: sempre filiforme, ma più sinuosa e armoniosa che si oppone all'immagine della donna anoressica. Seppur magre le nuove modelle conservano la loro femminilità e le loro forme essenziali.

NO ANA - A far tornare attuale il dibattito sul rapporto tra la moda e l'anoressia è stato il fotografo Oliviero Toscani. Toscani, qualche mese fa, ha scelto di far posare per una nota casa di abiti femminili, in voga soprattutto tra i teenager, una modella anoressica.
La modella in questione è Isabelle Caro, che ha accettato di mostrarsi nuda accanto ad uno slogan che inneggia contro l'anoressia: "No Anoressia". Isabelle ha spiegato perchè ha accettato di mostrare il suo corpo, consumato dall'anoressia, al mondo in un'intervista al giornale Vanity Fair: «Mi sono nascosta e coperta per troppo tempo: adesso voglio mostrarmi senza paura, anche se so che il mio corpo ripugna. Le sofferenze fisiche e psicologiche che ho subito hanno un senso solo se possono essere daiuto a chi è caduto nella trappola da cui io sto cercando di uscire». Aggiungo solo che in Italia l'anoressia unita alla bulimia mietono milioni di vittime.

ANORESSIA ANCHE PER GLI UOMINI - Contro gli stereotipi che associano l'anoressia alle sole ragazze che inseguono un ideale di bellezza "ultra slim", l'anoressia è anche maschile. Già nel 1689 abbiamo le prima descrizioni di un ragazzo sedicenne che soffriva della "totale mancanza di appetito" ad opera di R. Morton. Negli ultimi anni si è riscontrato un aumento dei casi di anoressia al maschile correlati soprattutto a psicopatologie e sicuramente influenzati dai nuovi modelli muscolosi e senza "un filo di grasso" a cui la massa desidera attenersi per sentirsi migliore e accettato.

SKUOLA.NET CONTRO L'ANORESSIA - Negli ultimi giorni è stato aperto nel nostro Forum un topic che parla proprio dell'Anoressia nervosa. Attiva è stata la partecipazione dei nostri utenti e il filo conduttore a cui tutti gli interventi possono essere ricondotti è il seguente: l'anoressia non va sottovalutata, ma presa sul serio, essa il più delle volte può essere causata da problemi o insofferenze psicologiche molto profonde di cui è bene parlare con gli specialisti appena se ne presentano i primi sintomi, in parole povere non sottovalutiamo l'anoressia perché va curata!

Tu che ne pensi?
dite la vostra nel forum

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta