Rafx di Rafx
Ominide 11 punti

Musica etnica indiana

La musica etnica orientale è quella che ha le radici più antiche di tutte le altre, tanto che ad alcuni strumenti si attribuiscono origini divine. La musica etnica indiana è caratterizzata da melodie, alle quali si attribuiscono poteri soprannaturali. Inoltre la musica vocale è più importante della musica strumentale. L’ottava, anziché essere divisa in toni e semitoni, è frazionata in 24 quarti di tono, detti ruti. In India viene usata la scala pentatonica, che cioè è formata da cinque suoni che sono: SA, RI, GA, PA, DHA. Nella musica tradizionale colta non esistono elementi temporali, come le battute o le figure di durata, perciò il canto può durare anche ore. Nella musica moderna, invece, la musica si sviluppa su due elementi essenziali, il raga, che indica la successione melodica e il tala, che rappresenta la successione ritmica. Gli strumenti principali della musica indiana sono: il Sarangi, la Vina e il Sitar. Il Sarangi è lo strumento più rappresentativo della musica indiana. E’ uno strumento a corde strofinate, formato da una cassa di legno su cui sono tese delle corde di budello. Questo strumento si suona tenendolo sulle gambe. La Vina è lo strumento più antico della musica indiana. E’ uno strumento a corde, derivato dalla cetra a bastone con due zucche che fanno da risuonatori. Il Sitar è uno strumento a corde pizzicate, caratterizzato da un lungo manico. Il suo nome deriva da “setar”, che significa “tre corde”.

Hai bisogno di aiuto in Musica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email