.ale9_ di .ale9_
Ominide 65 punti

Feuerbach

Secondo Feuerbach l'uomo è prima di tutto natura (Filosofia della molteplicità).
La religione attribuisce a Dio 3 predicati: Ragione, Volontà e Cuore (bontà).
In realtà, secondo Feuerbach, è l'uomo che ha i predicati di Dio.
Bisogna trasformare la Teologia in Antropologia; ciò che abbiamo sempre detto di Dio, va detto dell'uomo.
È l'uomo che crea Dio. La Religione è un fatto umano e viene definita come proiezione e oggettivazione. È un fenomeno di proiezione perchè l'uomo, in essa, attribuisce a Dio le proprie caratteristiche umane. Inoltre, l'uomo oggettiva le sue qualità umane (oggettivazione).
La Religione è anche un fenomeno di alienazione (inconsapevole), in quanto tramite questa, l'uomo attribuisce ad un altro ciò che è suo.
A Dio viene attribuito il meglio, e all'uomo il peggio. Si viene a creare un rapporto di conflitto e schiavitù.

Ci siamo creati la religione per difenderci dalla natura di cui abbiamo paura.
L'uomo (individuo) è finito, ma la sua specie è infinita econtinua, quindi l'uomo proietta questa caratteristica di infinito su di un individuo, Dio.
Inoltre, la religione rappresenta i nostri desideri.
Secondo Feuerbach, però , la Religione ha solo un valore pratico. Essa non ci fa conoscere, ma noi la usiamo praticamente a vincere l'idea della morte e a sperare in una salvezza eterna. La Religione, però, viene dalla paura, dalla sofferenza della vita nell'aldiquà. Essa, quindi, ci fa soffrire ancora di più e si viene a creare un circolo vizioso.
Feuerbach non è Ateo, perchè dice che, chi è ateo, nega le perfezioni che vengono attribuite a Dio. Lui non le nega, ma le attribuisce all'uomo.
"Homo homini Deus"= L'uomo è Dio.

Registrati via email