Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

FONDAMENTI DI MISURE

ELETTRONICHE

ESERCITAZIONI DI LABORATORIO Misure di tensione alternata

TO - A.A. 2002/2003 2/5

Rev. 17 marzo 2003

3 Conversioni ed incertezze

3.1 Onda sinusoidale

Utilizzate il segnale A0 (forma d’onda 0, uscita A) del generatore di segnali

(circuito stampato). Misurate la tensione con i 3 voltmetri (valore efficace,

medio e di picco) e con l’oscilloscopio; calcolate l’incertezza. Riportate le

misure in un grafico e verificatene la compatibilità.

3.2 Onda triangolare

Utilizzate il segnale A3 (forma d’onda 3, uscita A) del generatore di segnali

(circuito stampato). Misurate la tensione con i 3 voltmetri (valore efficace,

medio e di picco) e con l’oscilloscopio. Trasformate tutte le letture in tensione

efficace e calcolatene le incertezze. Riportate le misure in un grafico e verificate

la compatibilità.

3.3 Onda quadra

Utilizzate il segnale B3 del generatore di segnali (circuito stampato). Misurate

la tensione con i 3 voltmetri (valore efficace, medio e di picco) e con l’oscillosco-

pio. Trasformate tutte le letture in tensione efficace e calcolare le incertezze.

Riportate le misure in un grafico e verificatene la compatibilità.

3.4 Forme d’onda arbitrarie

Utilizzate il segnale A8 del generatore di segnali (circuito stampato). Misurate

la tensione con i 3 voltmetri (valore efficace, medio e di picco) e con l’oscillosco-

pio. Trasformate tutte le letture in tensione di picco e calcolate le incertezze.

Riportate le misure su un grafico e verificatene la compatibilita.

4 Duty cycle

Per l’onda rettangolare il duty cycle è definito come rapporto tra la durata

della sola parte positiva e l’intero periodo del segnale. In maniera del tutto

simile, per l’onda triangolare esso è definito come rapporto tra la durata della

parte con pendenza positiva e il periodo del segnale. In pratica il Duty cycle

è definito come: T H (1)

D = 100 · T

dove T è l’intervallo di tempo in cui il segnale assume un valore alto e T è il

H

periodo del segnale. Il valore è espresso in percentuale.

FONDAMENTI DI MISURE

ELETTRONICHE

ESERCITAZIONI DI LABORATORIO Misure di tensione alternata

TO - A.A. 2002/2003 3/5

Rev. 17 marzo 2003

4.1 Voltmetro in continua

Misurare con l’oscilloscopio (accoppiato in dc) l’ampiezza e i duty cycle del

segnale B4. Calcolare la lettura attesa del voltmetro in continua, che è il valo-

re medio del segnale tenendo presente che il voltmetro in continua all’interno

non ha il raddrizzatore. Misurare con il voltmetro digitale e verificare la com-

patibilità del risultato. Si ricordi che il voltmetro per tensione continua, per il

generico segnale v(t), fornisce una lettura V data da

M

Z t +T

1 0

V = v(t)dt (2)

M T t 0

dove T è la durata della misurazione, che supporremo molto maggiore del

periodo del segnale da misurare.

4.2 Voltmetro a valore medio

Misurare il segnale B4 con il voltmetro a valore medio in alternata (attenzione:

il voltmetro è a una semionda). Giustificare con i calcoli la differenza tra le

letture del voltmetro e dell’oscilloscopio.

4.3 Voltmetro a valore efficace

Misurare il segnale B4 con il voltmetro a valore efficace, che presenta il con-

densatore in serie. Giustificare con i calcoli la differenza tra le letture del

voltmetro e dell’oscilloscopio.

5 Limiti di funzionamento

Per misurare le risposte in frequenza si utilizzi come sorgente il generatore di

funzioni, servendosi dell’oscilloscopio per verificare che l’ampiezza del segnale

resti costante. Si può infatti supporre che la lettura dell’oscilloscopio, che

ha una banda considerevolmente più larga di quella dei voltmetri disponibili,

non dipenda dalla frequenza. Trattandosi di voltmetri, cercare le frequenze a

3 dB, come per i doppi bipoli, ha poco senso; il fenomeno da osservare è invece

l’errore sistematico che compare ai limiti della banda, limitando le misure alle

frequenze per le quali la variazione della lettura raggiunge orientativamente il

10 − 15%, cosa che rende scarsamente utilizzabile lo strumento.


PAGINE

5

PESO

91.05 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria elettronica
SSD:
A.A.: 2000-2001

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Strumentazione e sistemi di misura e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico di Torino - Polito o del prof Rubiola Enrico.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Strumentazione e sistemi di misura

Ponte di Wheatstone
Dispensa
Oscilloscopio digitale
Dispensa
Alimentatore - Misura della resistenza interna
Dispensa
Alimentatore stabilizzato - Misure
Dispensa