Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

tubo fotomoltiplicatore fotocatodo

dinodi

d.d.p. tra due dinodi

consecutivi di circa 100 V

Ogni elettrone incidente

causa l’espulsione di altri 3

– 5 elettroni

Segnali amplificati di

10 – 10 volte ddp ~900 V

6 7 - +

Sistema di misura

Tecniche separative :

Permettono la separazione dei composti interferenti dall’

analita o analiti di interesse permettendone una

quantificazione accurata. Tutte le tecniche separative

sfruttano le caratteristiche specifiche dei composti, in

questo modo è quindi possibile separare composti in base

alla loro volatilità (distillazione), solubilità, polarità ecc.

Le maggiori tecniche analitiche separative sono:

liquida

¾Cromatografia a scambio ionico

¾Cromatografia di esclusione molecolare

¾Cromatografia

¾Gascromatografia

capillare

¾Elettroforesi

Cromatografia liquida

Fase mobile C C

'

m s

C

= s

K C m

Costante di distribuzione

Fase stazionaria Scambio ionico Esclusione sterica

ripartizione

adsorbimento Tempo di ritenzione (t : è

r)

definito come il tempo che

intercorre dall’introduzione

del campione all’arrivo

dell’analita sul rivelatore

Tempo morto t : indica il

m

tempo necessario ad

t t t t t

0 1 2 3 4 attraversare la colonna da

parte della fase mobile e

quindi degli analiti non

trattenuti dalla fase

stazionaria −

t t

=

Fattore di

t t t t t r m

k

0 1 2 3 4 ritenzione t m

Selettività (α) : capacità della colonna cromatografica k

α =

di separare due analiti, si calcola con il rapporto tra i 2

fattori di ritenzione del composto più trattenuto e quello k

meno trattenuto 1

Efficienza : è la capacità del sistema cromatografico di 2

⎛ ⎞

t

= ⎜ ⎟

mantenere compatta la banda di eluizione di un analita, si r

16

N ⎝ ⎠

misura con il numero di piatti teorici. W

Risoluzione ( )

: è una misura della distanza tra due −

2 t t

bande in funzione della loro ampiezza. = r r

2 1

R +

W W

1 2

Schema HPLC

Analisi HPLC Rivelatore-

acquisizione

A B Colonna

HPLC

B B B B B

B

A A

B A Fase

Iniettore stazionaria

Fase mobile:

purezza (esistono dei solventi che sono

¾Estrema

certificati per uso HPLC)

contenuto di gas disciolti

¾Minimo

garantire la solubilità del campione

¾Deve assorbimento nella regione spettrale usata

¾Basso

nell’analisi con la fase stazionaria

¾Compatibilità

sua composizione deve essere ottimizzata per poter

¾La

garantire la separazione degli analiti d’interesse (possibilità

di lavorare sia in isocratico che in gradiente)

Sistemi di pompaggio:

pressioni elevate fino a 6000

¾Garantire

psi(libre/pollice ) 1 psi=0.068 atm

2

flussi stabili e quindi evitare impulsi di fase

¾Garantire

mobile sul rivelatore

riproducibili

¾Flussi ai solventi

¾Resistenza

Pompa

reciprocante a

doppio pistone

Iniettori: l’iniezione di un volume esatto di campione

¾Garantire nel tempo

¾Riproducibilità

sistema di iniezione deve vincere le enormi

¾Il

contropressioni che si trovano nel sistema cromatografico

Colonne HPLC: con fasi stazionarie pure ed omogenee

¾Impaccamento

fisica

¾Resistenza

chimica in un vasto range di pH e a diversa

¾Inerzia

composizione di fase mobile

Rivelatori Cella di

flusso Rivelatore

Sorgente UV

DAD (Diode Array Detector)

0,07

0,06 8,935

0,05

0,04

AU 0,03

0,02

0,01

0,00 2,00 4,00 6,00 8,00 10,00 12,00 14,00 16,00 18,00 20,00 22,00 24,00 26,00 28,00 30,00

Minutes

Cromatogramma del campione 0 ,1 0

0 ,0 9

0 ,0 8 0,070

0 ,0 7 0,060

0 ,0 6

0 ,0 5 0,050 248,0

AU

0 ,0 4 0,040

0 ,0 3 AU

0 ,0 2 0,030

0 ,0 1 0,020

0 ,0 0

- 0 ,0 1 0,010

0,000

3 0 0 ,0 0 220,00 240,00 260,00 280,00 300,00 320,00 340,00 360,00 380,00

nm

2 ,0 0 4 ,0 0 6 ,0 0 8 ,0 0 1 0 ,0 0 1 2 ,0 0 1 4 ,0 0 1 6 ,0 0 1 8 ,0 0 2 0 ,0 0 2 2 ,0 0 2 4 ,0 0

Min u te s

Spettro-cromatogramma del campione Spettro del Linuron

Cromatogramma di una soluzione standard di

9 pesticidi (220 nm)

0,055 4,161

b

0,050 7,508

0,045 d

0,040

0,035

0,030 f

AU 0,025 e

5,829

0,020 3,559 c h

9,869

8,759 12,775

12,197

0,015 14,772

0,010 a g i

0,005

0,000

-0,005 2,00 3,00 4,00 5,00 6,00 7,00 8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00 15,00 16,00 17,00

Minutes

Esempio di soluzione standard contenente 9 p. attivi alla conc. di 5 µg/mL

Variazione dei tempi di ritenzione con l’utilizzo

di una fase mobile in gradiente

Preparazione del campione:

SPE (Solid Phase Extraction) Procedura:

¾Condizionamento

¾Equilibratura campione

1-corpo della cartuccia ¾Somministrazione

2-fase adsorbente ¾Lavaggio

3-filtri ¾Eluizione

Schema a blocchi

monocromatore

sorgente atomizzatore

Lenti focalizzatrici fotomoltiplicatore

elaboratore

Spettri di righe

Atomo

Energia di Na

termica

Sorgenti Lampada a catodo cavo

La caratteristica principale delle sorgenti per spettroscopia di

assorbimento atomico è l’emissione di righe.

Pressione gas inerte 1-5 torr Ampiezza della riga 0.002-0.005 nm

d.d.p. tra gli elettrodi 300V

Corrente da 4 a 20 mA


PAGINE

44

PESO

1.31 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in biotecnologie molecolari e cellulari
SSD:
Università: L'Aquila - Univaq
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di CHIMICA ANALITICA e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università L'Aquila - Univaq o del prof Ruggeri Fabrizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!