Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Teorie classiche

Adam Smith e i rendimenti crescenti

• Motore del modello è l’accumulazione del capitale, generata dai

profitti industriali che alimentano gli investimenti

• Se il tasso di profitto diminuisce, si riduce lo stimolo agli investimenti

• Ambiguità:

– Da un lato, se cresce lo stock di capitale, il tasso di profitto tende a

diminuire per effetto della competizione tra capitalisti e la crescita dei

salari

– Dall’altro, nascono nuove opportunità di investimento e il tasso di

profitto può crescere o decrescere a seconda che gli investimenti siano

effettuati in nuove o vecchie tecnologie

– Quindi il tasso di profitto può crescere o decrescere e non vi è ragione

per pensare che si vada verso uno stato stazionario o, peggio, che esso

sia inevitabile (Malthus, Ricardo, Marx)

• Teorie di Smith hanno avuto grande influenza, ad es. su Myrdal,

Hirshman, Lewis e Kaldor

Teorie classiche

Thomas Malthus

• A differenza di Smith, Malthus visione pessimistica, Essay on the

Principle of Population (1798)

• Concetti-chiave:

– Teoria della popolazione che cresce a ritmo geometrico, mentre la

produzione a un ritmo aritmetico

– Importanza di tutelare la “domanda effettiva” (concetto caro a Keynes),

a differenza degli altri classici che puntano sull’offerta (come in seguito

la legge di Say). Man mano che si manifesta la crescita, aumenta

rapidamente la popolazione e si riduce il prodotto pro-capite

• Il tasso di profitto viene eroso in industria dalla crescita dei prezzi

agricoli, conseguenti all’aumento della domanda e ai rendimenti

decrescenti in agricoltura, nonché all’incremento dei costi

• La domanda deve crescere in linea con la potenzialità produttiva,

che dipende dagli investimenti

• Non vi è però garanzia di disporre di risparmio sufficiente agli

investimenti necessari

• Possibilità che il reddito pro-capite si assesti sulla sussistenza o che

sia catturato in una “trappola di equilibrio di basso livello”

Teorie classiche

David Ricardo

• Anche lui pessimista, Principles of Political Economy and Taxation

(1817)

– Inevitabile lo stato stazionario, senza crescita, sempre per effetto dei

rendimenti decrescenti in agricoltura

• Come in Smith, crescita dipende da accumulazione del capitale, la

quale dipende da reinvestimento dei profitti

• I profitti sono sacrificati dai salari di sussistenza e dal pagamento

delle rendite ai proprietari terrieri, le quali tendono a crescere per

effetto dell’aumento dei prezzi agricoli dovuti ai rendimenti

decrescenti e alla crescita dei costi marginali

• La società si divide in una categoria o classe produttiva, fautrice

della crescita, (imprenditori), in una che produce manufatti ma

alimenta i costi (lavoratori) e in una terza parassitaria (redditieri)

Teorie classiche

David Ricardo

grano Z

R rendita Prodotto medio

Y

P profitti

W Salario sussistenza

X

salari Prodotto marginale lavoro

0 L

Teorie classiche

David Ricardo

• Con un’occupazione pari a L, e un prodotto totale pari a ORZL, la

rendita è determinata dalla differenza tra il prodotto medio e quello

marginale del lavoro (PRZY)

• I salari di sussistenza sono fissati al livello OWXL

• I profitti sono pari alla differenza tra la prodotto medio e rendita più

salari (WPYX)

• I profitti sono destinati a scomparire poiché il prodotto medio tende

a diminuire mentre i salari di sussistenza restano ovviamente rigidi

– In equilibrio il tasso di profitto in agricoltura eguaglia quello in industria

e, poiché il tasso di profitto in agricoltura diminuisce, i capitali si

spostano verso l’industria, provocando un declino del tasso di profitto

anche in industria

– I profitti in industria tendono a diminuire anche perché i salari in termini

di cibo aumentano per garantire la sussistenza

• Ma per Ricardo (a differenza di Malthus) non ci sono problemi di

domanda effettiva perché (come dirà poi Say) la crescita dell’offerta

crea la sua domanda

Teorie classiche

David Ricardo

• Il motore della crescita sono i profitti, da cui gli investimenti che

assicurano l’accumulazione del capitale

– Non vi sono limiti all’accumulazione fin quando il rendimento è positivo

• Quando si annulla la profittabilità in industria (a causa dell’aumento

dei salari e della riduzione del prodotto medio) si arriva allo stato

stazionario

– Ogni fattore che riduce l’accumulazione anticipa lo stato stazionario

– Quindi è contrario a tasse, tariffe sulla produzione, così come a dazi

sulle importazioni, specie di prodotti alimentari

• Campagna per la abolizione leggi sul grano

– Se i prezzi del cibo restano bassi, i salari non aumentano e si allontana

lo stato stazionario

• In realtà ipotesi erronee perché:

– Non è detto che il prodotto medio industriale diminuisca (progresso

tecnico)


PAGINE

14

PESO

81.31 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Economia della crescita del prof. Roberto Pasca di Magliano avente ad oggetto le teorie classiche della crescita ed in particolare il pensiero di: Adam Smith e i rendimenti crescenti, Thomas Malthus, David Ricardo, Karl Marx e il plusvalore.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze economiche e sociali per la cooperazione internazionale e lo sviluppo (Facoltà di Economia, di Lettere e Filosofia, di Scienze della Comunicazione, di scienze Politiche e di scienze Umanistiche)
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia della crescita e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Pasca di Magliano Roberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia della crescita

Modello Harrod-Domar
Dispensa
Teoria della crescita endogena
Dispensa
Capitale umano
Dispensa
Lucas - Modello
Dispensa