Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Riassumiamo

L’attaccamento è un legame che una persona o un animale

 (mammiferi/uccelli) ha con un'altra persona/animale con cui

interagisce quotidianamente in maniera precoce, privilegiata e

significativa; un legame che unisce nello spazio e si protrae.

Lo scopo è di tentare di raggiungere e mantenere un certo

 livello di vicinanza con l’adulto, in particolare nelle situazioni

di pericolo. Da questo deriva un sentimento di sicurezza.

I limiti accettabili di distanza variano in base a molti fattori (età,

 temperamento, presenza di estranei, attaccamento sicuro, fatica,

malattia) che modificano la percezione della figura di

attaccamento come base sicura (importanza dei meccanismi di

segnalazione)

Il comportamento di attaccamento è in continuo mutamento,

 con un'organizzazione ed una pianificazione che presuppongono

l'utilizzo di processi cognitivi riguardanti il comportamento stesso,

la comunicazione, ma anche l'elaborazione delle

rappresentazioni di sé, figura d’attaccamento, e ambiente.

Modello operativo interno (internal working

model)

Nel corso delle interazioni quotidiane con la figura

 d'attaccamento il bambino costruisce le proprie

aspettative che vengono incorporate in un modello

rappresentazionale.

Tale modello si consolida nel corso dell'esperienza e

 diviene una delle variabili principali dello sviluppo.

Tappe di formazione e trasformazione

del legame di attaccamento

Fase iniziale preattaccamento (nascita

fino 2 mesi)

Fase iniziale di risposta sociale

 indifferenziata,

Periodo dell’intersoggettività primaria

 Il bambino è disponibile ad interagire con

 tutte le persone.

Fase formazione attaccamento

(2° a 6° mese)

Periodo intermedio fra intersoggettività

 primaria e secondaria

Il bambino mantiene disponibilità a tutti ma

 impara a riconoscere 1 persona ben precisa

In questo momento il disagio > avvertito è

 connesso all’esperienza della solitudine piu

che all’assenza della figura d’attaccamento

Le risposte emotive vs le figure familiari sono

 però molto più intense e la figura

d’attaccamento viene espressamente

preferita quando il piccolo vive 1 sconforto.

Fase attaccamento vero e proprio (6/8 e fin vs 18

mesi)

Il bambino protesta quando si separa dalla

 figura d'attaccamento

Ha paura degli estranei.

 Il ricongiungimento suscita forti reazioni

 emotive, diverse a seconda della durata

dell’allontanamento

La separazione è percepita come "pericolo".

 Naturalmente oltre alla durata della

 separazione vanno considerate le

caratteristiche del contesto relazionale in cui il

bambino permane (attaccamenti multipli).

Fase autocorrezione tra i patner

(dopo 18 mesi)

Abbandono da parte del bambino

 dell'egocentrismo;

Compare una tendenza all’individuazione-

 separazione che si manifesta nella presenza

sia di comportamenti di attaccamento che di

comportamenti esploratori.

L’attaccamento è rivolto a una figura

 puramente interna, anche se è agevole il

riscontro esterno.

Afferma Battacchi (2004): “questo è il

 paradosso di tutta la vita: si può reggere

la solitudine se non si è soli, ma si è invece in

relazione con figure interne, presenze mentali

affettivamente caricate” (pag.86).

L’attaccamento non impedisce la separazione

 se l’attaccamento è verso una figura interna

che accompagna nel processo di

separazione dalla figura reale.

I modelli d'attaccamento nell'infanzia/modelli operativi

interni/qualità cure ricevute

SICURO

IWM di Sé come amabile e della figura d’attaccamento

come affidabile e pronta ad intervenire tempestivamente

in caso di bisogno. Lo stile di attaccamento delle figure

accudenti è sicuro. L’alta responsività presente nelle

figure accudenti è stata correlata positivamente a

qualità di equilibrio psicologico personale. Equilibrio

personale e responsività risultano correlati alla

percezione di soddisfazione per il proprio ruolo di care-

giver, alla soddisfazione per la relazione affettiva/intima

con il partner e alla percezione di sostegno ricevuto dal

contesto allargato sia familiare che sociale. Il contesto

relazionale allargato è ricco e articolato.

INSICURO-EVITANTE

IWM di Sé come non all’altezza di ricevere amore e

impossibilitato al contatto, viene costruito sulla base

di relazioni con figure d’attaccamento che hanno

uno stile insicuro, rifiutano le richieste di aiuto e

conforto del bambino nei momenti di stress. Lo stile

di cura prevalente è controllante intrusivo, iperattivo

ed eccessivamente rifiutante e i comportamenti di

conforto impiegati non fanno uso del contatto fisico.

Le relazioni con il partner sono insoddisfacenti così

come la percezione del supporto sociale ricevuto.

Sono ridotte le interazioni con il contesto allargato e

esigue le opportunità relazionali alternative offerte

INSICURO-AMBIVALENTE

IWM di Sé come non degno d’amore può

indurre un falso Sé remissivo in quanto

terrorizzato dalla separazione. Lo stile di

attaccamento delle figure di accudimento

è di tipo insicuro e lo stile di cura è

imprevedibile, incostante e intrusivo. Il

contesto relazionale allargato non offre

esperienze di sicurezza.

Categorie nell’infanzia Categorie nell’adulto

Comportamenti di attaccamento nel Produzione discorsiva nell’Adult

bambino rilevati nella Strange: Attachment Interview

Sicuro (B): mostra segni di perdita Sicuro /Libero-Autonomo (F). La

della figura d’attaccamento alla prima produzione discorsiva relativa alla

separazione e piange durante la descrizione e alla valutazione delle

seconda. Al ricongiungimento accoglie esperienze legate all’attaccamento, sia

la figura d’attaccamento attivamente: che esse vengano descritte come positive

per esempio gattonando verso di lui/lei o come negative è coerente.

o cercando di essere preso in braccio. L’atteggiamento verso l’intervistatore è

Mantenuto per breve tempo il contatto collaborativo. L’intervistato sembra tenere

si calma e gioca (attiva il sistema in conto l’attaccamento valutando

parallelo di esplorazione) oggettivamente ogni specifica esperienza

o relazione.

Insicuro Evitante (A): non piange

durante le separazioni, presta Distanziante (DS). Le descrizioni

attenzione ai giochi e/o all’ambiente positive dei genitori/figure d’attaccamento

durante tutta la procedura. Evita ed o tendenti alla normalizzazione (“una

ignora attivamente la figura madre eccezionale, molto normale”) non

d’attaccamento al suo ritorno, sono supportate, o sono contraddette, da

allontanandosi, voltandosi o rifiutando ricordi specifici. Le esperienze negative

il contatto quando viene preso in vengono considerate come prive di effetti.

braccio. Rabbia assente. Le interviste sono brevi, frequente è

l’assenza di ricordi.

Insicuro Ambivalente (C): mostra Coinvolto o Preoccupato (E). La

 

preoccupazione per la figura produzione discorsiva presenta

d’attaccamento per tutta la affermazioni grammaticalmente

procedura; può mostrarsi confuse o colme di espressioni senza

attivamente arrabbiato cercando/ senso. Le interviste sono lunghe,

opponendosi alternativamente a lei, alcune risposte sono irrilevanti.

oppure essere passivo. Al Mostrano di essere preoccupati in

ricongiungimento non si calma e relazione alle esperienze descritte,

non torna ad esplorare, continua a sembrano arrabbiati, confusi e passivi

essere focalizzato su lei e piange. o timorosi e sopraffatti.

Insicuro Non risolto rispetto a lutti o traumi

 

Disorganizzato/Disorientato (D). (U). Durante il racconto di perdite o di

comportamenti disorganizzati abusi subiti i soggetti perdono il

appaiono in presenza della figura controllo del ragionamento e del

d’attaccamento. Per esempio al discorso: per esempio parlano di

ricongiungimento, il bambino può persone morte come se fossero

bloccarsi come in trance, agitare le ancora in vita, fanno lunghe pause o

mani in aria, alzarsi e poi cadere usano un frasario poetico ed

prono oppure può avvinghiarsi e elogiativo. Potrebbero essere

nello stesso tempo contorcersi. In classificati contemporaneamente

relazione a ciò può essere anche come Ds, F o E.

classificato contemporaneamente Fonte : riadattamento da Carli, 1999

anche come A,B o C.

Strange situation

Mary D. Salter Ainsworth

 (Glendale, 1 dicembre 1913 –

Charlottesville, 21 marzo 1999)

è stata una psicologa

statunitense, allieva di Bowlby.

Nata in Ohio, prima di 3 sorelle.

 Laurea all'Università di Toronto vi

 insegnò per qualche anno, prima

di arruolarsi nel Canadian

Women's Army Corp nel 1942 e

partecipare alla Seconda guerra

mondiale, da cui tornò nel 1945

con il grado di maggiore.

Modalità somministrazione

Strange Situation:

Tempo: 30'

 Modalità: 8 episodi (modi/ordini

 invariabili)

Soggetti: 4 persone: bambino, figura

 attaccamento, “estraneo” e osservatore.

1.L’episodio introduttivo ( 30 secondi) l’osservatore accompagna la madre

ed il bambino dentro la stanza e poi esce.

2.Nel secondo episodio (3 minuti) la madre indirizza il bambino verso i

giochi si siede lasciandolo giocare

3.L’inizio del terzo episodio (3 minuti) è segnato dall’ingresso dell’estraneo

che va subito a sedersi nella poltrona precedentemente preparata.

4.Nel quarto episodio (3 minuti) l’estraneo cerca di giocare con il bambino,

lo consola o prova a distrarlo

5. Quinto episodio rientro della madre (3 minuti o più) saluta il bambino e

lascia la stanza dopo avere nuovamente lasciato la propria borsa sulla sedia

6. Sesto episodio (3 minuti) il bambino rimane solo nella stanza.

7.Il settimo episodio (3 minuti) rientro dell’estraneo

8. Ottavo episodio (3 minuti)rientro della madre che prende in braccio il

bambino per consolarlo e, una volta calmato, avvia con lui una nuova

esplorazione dei giochi. L’estraneo lascia la stanza.

Responsività sensibile quale condizione di

sicurezzazione di sicurezza

La responsività sensibile è quella capacità umana di

 leggere accuratamente i segnali del bambino nella loro

unicità esercitata con regolarità e continuità dalla figura

d’attaccamento, adattandosi flessibilmente ad essi e

rispondendo in modo appropriato al momento, alla

situazione ed allo stadio evolutivo in cui il piccolo si

trova.

Gli ambienti sicuri vedono adulti dotati di sensibilità

 responsiva che riescono a gratificare il bisogno di

contatto e di intimità dei loro piccoli e/o si impegnano a

ridurre e a contenere le loro emozioni negative di

paura e sconforto. Non sempre entrambe le funzioni

sono presenti e non tutti gli adulti sono ugualmente

disponibili per entrambe ( Keller, Volker e Zach, 1997).


PAGINE

38

PESO

476.63 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Lo psicoanalista John Bowlby ha elaborato la teoria dell’attaccamento, interessandosi agli aspetti che caratterizzano il legame madre-bambino. Nel corso delle interazioni con la figura d'attaccamento il bambino costruisce le proprie aspettative che vengono incorporate in un modelli rappresentazionali, i modelli operativi interni (Internal Working Model) che si consolidano nel corso dell'esperienza.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dell'educazione
SSD:
Università: Ferrara - Unife
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dinamica e clinica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ferrara - Unife o del prof Bastianoni Paola.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dinamica e clinica

Freud e la psicoanalisi
Dispensa
Modelli contestualisti dello sviluppo
Dispensa
Interazioni precoci madre-bambino: la prospettiva dell'attaccamento
Dispensa
Lousanne Trilogue Play-LTP
Dispensa