Che materia stai cercando?

Taylor - Teoria atomista Appunti scolastici Premium

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Storia della filosofia antica, tenute dal Prof. Emidio Spinelli nell'anno accademico 2011 e consiste in uno schema riassuntivo dell'articolo di C. C. W. Taylor, The Atomists, in cui l'autore attribuisce la formulazione della teoria atomistica a Leucippo... Vedi di più

Esame di Storia della filosofia antica docente Prof. E. Spinelli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

C.  C.  W.  Taylor,   The  Atomists,  in   The  Cambridge  Companion  to  Early  Greek  Philosophy,  a  cura  di  A.  A.  Long,  Cambridge  University  Press,  1999,  181-­‐204  

Autore:  LAVINIA  CECCARELLI  

BIBLIOGRAFIA:  

A)  G.  Vlastos,   Ethics  and  Physics  in  Democritus,  in   Studies  in  Presocratic  Philosophy,  vol  2:  Eleatics  and  Pluralists,  a  cura  di  D.  J.  Furley  e  R.  E.  Allen,  New  York  Humanity  

Press,  Londra,  1995.  

B)  C.  Taylor,   Pleasure,  Knowledge  and  Sensation  in  Democritus,  in   Phronesis  12  (1967),  pp  6-­‐27.  

C)  Diels-­‐Kranz,  piattaforma  digitale  online,  ‘Presocratici’,  DAPHNET,  http://presocratics.daphnet.org  

 

  Introduzione   Fisica  

La  formulazione   della  teoria  atomistica  è  attribuita  

  La  testimonianza  principale  riguardo  la  fisica  atomistica  è  quella  di  Aristotele;  l’obiettivo  degli  atomisti  consiste  in   conciliare  

a   due   pensatori:   Leucippo   e   Democrito.   Il   primo   è   i   fenomeni   osservabili   consistenti   in   pluralità,   moto   e   cambiamento   con   la   negazione   eleatica   della   possibilità   di   inizio   e   fine  

 

posto  dalla  testimonianza  aristotelica  come  il  vero   dell’esistenza  (DK  67  A  7).  In  questo  sono  assimilabili  ad  Anassagora  ed  Empedocle,  ma  a  differenza  di  questi  ultimi  i  loro  

 

fondatore   della   teoria   (Metaph.   A   4.985b),   per   principi   non   sono   costituiti   da   elementi   o   particelle   osservabili,   e   i   processi   primari   di   formazione   e   morte   degli   enti   non  

 

quanto   il   suo   contributo   sia   stato   poi   eclissato   da   consistono   nel   mescolarsi   e   separarsi   degli   elementi.   La   fisica   atomistica   postula   due   principi   fondamentali:   il   primo  

 

quello   di   Democrito   (tanto   che   l’atomismo   viene   consiste   nell’esistenza   di   enti   primari   individuali,   eterni   e   sempre   uguali,   che   operano   attraverso   un   processo   di  

 

visto   principalmente   come   creazione   di   aggregazione  e  separazione.  Queste  particelle  sono  invisibili  e  quindi  non  osservabili  –  è  possibile  assegnare  loro  delle  

 

quest’ultimo,   al   punto   che   Epicuro   stesso   nega   proprietà  solo  per  via  teorica.  Le  particelle  sono  indivisibili  e  per  questo  sono  chiamate  atomi  (letteralmente:  impossibile  

 

l’esistenza  di  Leucippo).  La  relazione  tra  i  due  non   da  dividere,  DK  67  A  14  –  Taylor  sostiene  che  siano  indivisibili  in  linea  di  principio).  Il  secondo  consiste  nell’esistenza  del  

 

è   chiara,   dal   momento   che   alcune   fonti   non   vuoto,   ovvero   di   uno   spazio   in   cui   nulla   è   presente   e   che   permetta   agli   atomi   di   circolare   e   formare   aggregati   ( DK   67   A   19,  

 

menzionano  Leucippo  e  pongono  Democrito  come   DK  67  A  7 ).  Secondo  Taylor  il  vuoto,  che  pure  alcune  fonti  (per  esempio  Plutarco,   DK  68  A  57)  coincide  con  il  non-­‐essere,  è  

unico   fondatore   della   teoria,   mentre   Aristotele   dà  

  piuttosto   da   intendersi   come   un   intervallo   in   uno   spazio   che   si   deve   intendere   come   una   dimensione   continua   e   non   come  

ad  entrambi  pari  merito.  È  possibile  ipotizzare  che   intervalli  di  essere/non  essere.  Un  attributo  che  si  presta  ad  entrambi  è  quello  dell’infinità:  gli  atomi  sono  infiniti  in  numero  e  

 

Leucippo  sia  stato  il  primo  a  formulare  la  teoria  e   lo  spazio  in  cui  si  muovono  è  un  continuo  tridimensionale  e  infinito  che  può  essere  occupato  o  meno  in  ogni  sua  parte.  Il  

 

Democrito   l’abbia   poi   perfezionata   –   è   anche   moto   degli   atomi   è   eterno   ed   è   regolato   dalle   precedenti   interazioni   tra   gli   atomi   stessi.  L’unica   testimonianza   che   enfatizza  

 

ipotizzabile  una  collaborazione  tra  i  due  pensatori.   il  ruolo  del  vuoto  nell’ambito  del  processo  di  aggregazione  è  quella  di  Giovanni  Filopono  (Phys.  494.19-­‐25):  si  sostiene  che  

  l’impatto  tra  gli  atomi  non  porti  ad  una  fusione  ma  piuttosto  comporti  una  distanza  infinitesimale,  e  gli  atomi  stessi  sono  

  uniti  da  una  forza  simile  a  quella  magnetica.    

 

 

  Caso  e  necessità  

 

L’universo  degli  atomisti  è  caratterizzato  da  meccanicismo,  determinismo  e  mancanza  di  una  causa  finale  nel  senso  aristotelico:  ogni  evento  è  effetto  di  un  movimento  di  atomi  ed  è  

causa  dei  movimenti  successivi,  e  questo  procedimento  è  necessario  e  senza  inizio  o  fine,  con  ogni  movimento  derivante  da  uno  precedente.  Non  è  possibile  ricostruire  in  maniera  

 

precisa  questa  parte  della  dottrina  per  via  della  natura  frammentaria  delle  testimonianze,  ma  solitamente  si  dà  una  posizione  centrale  al  frammento  DK  67  B1  di  Leucippo,  il  quale  

  ἐκ  λόγου)   ὑπ'  ἀνάγκης).  Questo  potrebbe  implicare  che  niente  nasce  dal  caso,  dal  momento  

recita:   nulla  si  produce  senza  motivo  ( μάτην),  ma  tutto  con  una  ragione   ( e  necessariamente   (

 

che   un   movimento   di   atomi   causato   da   un   altro   movimento   di   atomi   non   può   non   accadere;   ma   questo   non   vuol   dire   che   il   caso   non   abbia   un   ruolo   nella   teoria   atomistica,   per   quanto  

 

non   sia   facile   stabilire   precisamente   quale   sia.   Secondo   le   testimonianze   di   Aristotele   ( DK   68   A   68,   69   e   70),   Simplicio   ( DK   68   A   67)   e   Temistio   ( In   phys.   49.13-­‐16),   l’origine   di   tutti   i  

 

movimenti  è  attribuita  ad  un  vortice  di  atomi  che  nascerebbe  in  maniera  casuale  (DK  68  B  167).  Ad  esempio  secondo  Aezio,  per  gli  atomisti  il  caso  è  ‘qualcosa  che  non  è  chiaro  alla  

 

ragione   umana’   (I.29.7).   In   quanto   alla   questione   di   come   si   muovano   gli   atomi,   si   deve   citare   la   testimonianza   di   Sesto   Empirico   ( M.   VII   116-­‐118),   secondo   la   quale   Democrito   ritiene  

 

che  lo   stesso  genere  di  essere  tende  a  formare  gruppi,  portando  come  esempi  sia  esseri  animati  (gli  stormi  di  uccelli)  e  inanimati  (i  granelli  di  sabbia  sulle  spiagge).  Questo  principio  è  

 

già  rintracciabile   nella  cosmologia  di  Leucippo  secondi  Diogene  Laerzio  ( DK  67  A   1).  In  accordo  con  queste  testimonianze  e  quella  di  Giovanni  Filopono,  secondo  Taylor  la  necessità  si  

 

identifica   con   l’impatto  tra  atomi,  che  avviene  secondo  tre  forze:  una  di   repulsione  che  si  presenta  in  mancanza  di  contatto  diretto  e  due  di   attrazione,  una  che  unisce  atomi  di  forma  

 

uguale   e   un’altra   che   unisce   atomi   di   forma   diversa.   È   possibile   che   Democrito   le   abbia   definite   tutte   e   tre   fondamentali   e   necessarie   in   quanto   irresistibili,   ma   è   impossibile   stabilire  

se  abbia  mai  formulato  una  teoria  riguardante  un’unica  forza  che  determini  le  circostanze  degli  impatti  tra  gli  atomi.  


PAGINE

2

PESO

121.52 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Storia della filosofia antica, tenute dal Prof. Emidio Spinelli nell'anno accademico 2011 e consiste in uno schema riassuntivo dell'articolo di C. C. W. Taylor, The Atomists, in cui l'autore attribuisce la formulazione della teoria atomistica a Leucippo e Democrito.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia e conoscenza
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della filosofia antica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Spinelli Emidio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della filosofia antica

Filosofie presocratiche - Articolo Algra
Dispensa
Cicerone su Pitagora
Dispensa
Leibniz - Naturale e arbitrario
Dispensa
Huffman - Tradizione pitagorica
Dispensa