Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

è

1. la città la sua popolazione (come si

distribuisce);

oppure:

2. la città è un gruppo (politico) regolativo

dell’economia.

DIMENSIONE DIMENSIONE

Weber

ECONOMICA POLITICA

città e sviluppo governo

economico mondiale della città

città e politiche

sottosviluppo urbane

mercato

del lavoro classi sociali

conflitti urbani

sviluppo città

locale povertà

urbane

sostenibilità

e sviluppo urbano gruppi

emarginati

distribuzione gruppi subculture

nello spazio urbano urbane

Park Simmel

manifestazioni

tipologie di culturali

forme urbane

DIMENSIONE DIMENSIONE

ECOLOGICA CULTURALE

Gli oggetti di studio della sociologia urbana (adattato da Mela, 2006)

A. La tradizione europea

1. La città come luogo della modernità

(Georg Simmel)

2. L’approccio storicistico

(Max Weber)

B. La tradizione anglosassone

1. L’ecologia umana

(Robert Park)

2. La urban political economy

(D. Harvey, H. Molotch)

Il ‘nuovo

intermezzo storico’

(i neo­weberiani)

Il filone di ricerca sulle città europee inaugurato da

Bagnasco e Le Galès (1999) sostiene che lo

svuotamento dello stato ha prodotto una particolare

congiuntura di incertezza e debolezza dei poteri

superiori, ma ha anche determinato le precondizioni

spazio politico delle

favorevoli per la creazione di uno

città relativamente autonomo e distinto.

Derivandola dal lavoro di Max Weber (1922),

questa particolare congiuntura è stata definita come

nuovo intermezzo storico:

un si tratta di un ruolo che

non è nuovo per le città europee, perché presenta

delle analogie con il modello delle città medioevali

studiato nel secolo scorso da Weber.

L’emergere di questa nuova corrente di studi –

denominata neoweberiana – pone al centro

dell’attenzione le

città come società locali (incomplete),

dotate di una particolare divisione del lavoro tra il

mercato, le strutture sociali e le istituzioni politiche.

Gli attuali modelli di organizzazione urbana si

dimostrano capace di assicurare un elevato grado

di flessibilità dell’economia e rapidi aggiustamenti

agli imperativi del mercato, insieme a una certa

equità sociale, attraverso la redistribuzione dei costi

e dei benefici per la società locale e costituisce un

modo originale di riguardare i processi urbani.

Questi modelli di organizzazione urbana

costituiscono un modo originale di riguardare i

processi urbani:

La ‘parole chiave’ di questi modelli è:

urban governance

declinata lungo i concetti di:

1. città come attore collettivo

2. (produzione di) capitale sociale

3. pianificazione strategica (deliberativa)

Le popolazioni

metropolitane

(la nuova

ecologia umana)

Il filone di ricerca sulle popolazioni metropolitane

inaugurato da Martinotti (1993) percorre un

approccio che abbandona i limiti dell’ecologia

umana ‘classica’ e amplia la visuale dalle

popolazioni che abitano la città a quelle che

city users).

usano la città (i

Alla popolazione residente – che in città vota, paga

le tasse e il cui status è inversamente proporzionale

alla distanza dal centro urbano – si affiancano i

pendolari consumatori

flussi dei city users: e

provenienti dall’atollo corallino dell’area

businessmen

metropolitana e i della città delle reti

che «vivono tra le città, piuttosto che nelle città».

Sulla base di questa eterogenea morfologia urbana,

su che basi la nuova urban political economy

cittadinanza?

considera la

L’assenza di una consolidata nozione di

cittadinanza sembra un esito dei deficit cognitivi

con i quali gli studi demografici nazionali

rappresentano la morfologia sociale dei centri

urbani.

Sebbene più volte richiamato, il dinamismo urbano

non è colto in uno dei suoi aspetti costitutivi: gli

stakeholder della politica economica urbana

di cittadinanza

appaiono da un lato appiattiti su un’idea

obsoleta concetto

e, dall’altro lato, ipostatizzati entro il

estremamente vago di ‘attori’.


PAGINE

23

PESO

1.72 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Sociologia dell'Ambiente e del Territorio tenute dal Prof. Benedetto Meloni nell'anno accademico 2008.
Il documento propone uno studio sociologico delle città.
Concetti e autori chiave: scuola di Chicago, Simmel, Weber, Lefebvere, sociologia urbana, metodo anglosassone, metodo europeo, city users.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche
SSD:
Università: Cagliari - Unica
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sociologia dell'Ambiente e del Territorio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cagliari - Unica o del prof Meloni Benedetto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sociologia dell'ambiente e del territorio

Analisi di un sistema territoriale
Dispensa
Rischio ambientale - Parte prima
Dispensa
Progettazione partecipata - Quartiere S. Elia
Dispensa
Rischio ambientale - Parte seconda
Dispensa