Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

La strategia dell’Unione Europea

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 35

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: L’UNIONE EUROPEA

L’Unione Europea ha impostato una strategia finalizzata al

coordinamento delle proposte emerse nei singoli contesti nazionali

per convogliarle verso un’unica e condivisa direttiva

Luglio 2001 Libro Verde “Promuovere un quadro europeo per la

responsabilità sociale delle imprese” nel quale è affrontato il tema

della RSI.

Luglio 2002 Comunicazione concernente la responsabilità sociale,

( seguito del Libro verde Promuovere un quadro europeo per la

responsabilità sociale delle imprese) che raccoglie gli esiti della sua

consultazione e pone le basi per una strategia europea di

promozione della RSI.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 36

Furlotti Katia 18

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: L’UNIONE EUROPEA

2002 Multi

Multi--stakeholder Forum on CSR : costituisce un’occasione

di discussione e dibattito in tema di responsabilità sociale che

coinvolge i più importanti gruppi di stakeholder a livello europeo

2006 nuova Comunicazione in tema di RSI

Il partenariato per la crescita e l’occupazione: fare dell’Europa un polo

di eccellenza in materia di responsabilità sociale delle imprese.

Alleanza Europea per una Impresa Competitiva e Sostenibile

un quadro di riferimento per iniziative nuove o già esistenti, in materia

di RSI, che vede il coinvolgimento e la partecipazione di grandi imprese,

di PMI e di altre parti interessate che sono invitate ad esprimere

volontariamente il loro sostegno alla realizzazione di obiettivi per lo

sviluppo sostenibile

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 37

Gli standard nazionali

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 38

Furlotti Katia 19

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

GBS

Gruppo di studio per la statuizione dei principi di redazione del

Bilancio Sociale

(R. Marziantonio ed altri studiosi – 1998)

Obiettivi

definizione delle finalità del bilancio sociale e delle “regole” per la

costruzione e predisposizione del documento;

definizione e commento delle sezioni che compongono il bilancio

sociale;

presentazione dei principi di redazione del bilancio sociale (2001).

I Principi di redazione del Bilancio Sociale prodotti dal GBS si

articolano in due parti principali e un’appendice

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 39

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Parte 1: Obiettivi e principi

Obiettivi

Finalità della rendicontazione sociale: fornire informazioni utili

sugli aspetti sociali dell’attività aziendale e notizie aggiuntive

rispetto a quelle già presenti nei consueti documenti di bilancio.

Informare sull’identità e sul sistema dei valori di riferimento

dell’azienda e sulle modalità di traduzione degli stessi in

comportamenti e scelte aziendali.

Esporre gli obiettivi di miglioramento da perseguire, informare

sull’interazione fra l’azienda e l’ambiente nel quale la stessa opera

e rappresentare il valore aggiunto e la sua ripartizione.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 40

Furlotti Katia 20

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Principi

Responsabilità Comprensibilità, chiarezza ed

intelligibilità

Identificazione Periodicità e ricorrenza

Trasparenza Omogeneità

Inclusione Utilità

Coerenza Significatività e rilevanza

Neutralità Verificabilità

Competenza di

periodo Attendibilità e fedele

rappresentazione

Prudenza Autonomia delle terze parti

Comparabilità

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 41

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Parte 2: Struttura e contenuto

Contenuto minimo del bilancio sociale secondo lo standard GBS:

identità aziendale;

calcolo e distribuzione del valore aggiunto;

relazione sociale.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 42

Furlotti Katia 21

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Identità aziendale

Costituisce la parte iniziale del documento, in quanto è in primo

luogo necessario che l’azienda si presenti, descrivendo la propria

storia, i propri valori e obiettivi e il proprio modo di agire. In questo

modo, permette ai propri interlocutori di maturare un primo giudizio

sul suo comportamento per poi valutarne la coerenza con le azioni

poste in essere e i risultati realizzati.

Ogni azienda, in relazione alle proprie caratteristiche (attività,

struttura, organizzazione, settore di appartenenza, mercato di

riferimento, dimensione…) e deve presentarsi in modo personale.

Il documento del GBS propone almeno cinque punti attraverso cui è

opportuno che si snodi questa presentazione.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 43

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

1. Assetto istituzionale

vengono presentate proprietà e struttura di governo dell’azienda:

chi sono i soggetti al vertice dell’organizzazione, come si

definiscono le decisioni di governo, quali sono le attese e gli

obiettivi dei vari membri del soggetto economico, come si

regolano i suoi contributi e come questo viene ricompensato.

È importante rappresentare l’azienda anche descrivendo la storia e

l’evoluzione che hanno caratterizzata il suo percorso e lo scenario

in cui si trova ad operare.

Assetto proprietario, governance e loro evoluzione devono essere

presentati e spiegati ai lettori per giungere ad una identificazione

precisa e dell’azienda.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 44

Furlotti Katia 22

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

2. Valori di riferimento

enunciazione dei principi che ispirano le scelte operative.

Requisiti:

Requisiti

devono guidare realmente il comportamento e l’attività aziendale

(prescrittività)

essere effettivamente rispettati e osservati (osservanza) per una

durata di tempo significativa (stabilità)

devono riferirsi all’insieme delle attività e delle relazioni tra

l’azienda e i propri stakeholder (generalità) ed essere applicati tra

le categorie di questi ultimi in modo imparziale (imparzialità)

devono essere intesi dall’azienda in modo duraturo ed essere

considerati validi in tutti i casi con analoghe caratteristiche

(universabilizzabilità).

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 45

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

3. Missione

rappresenta l’orientamento verso i macro obiettivi di fondo che

l’azienda intende perseguire e che ne motivano l’esistenza stessa.

La missione deve essere definita in modo esplicito:

principi generali obiettivi programmi d’azione

La missione coniuga aspetti economici e contributi alla collettività.

comunicare all’esterno e trasmettere e condividere all’interno

dell’organizzazione le finalità ultime che motivano l’esistenza della

azienda stessa e che devono sottendere a tutte le iniziative

realizzate

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 46

Furlotti Katia 23

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

4. Strategie

descrizione dei progetti di lungo periodo con i quali si intende

perseguire la missione aziendale:

necessità e impegno di risorse, programmi, iniziative, azioni e scelte

5. Politiche

descrizione delle principali politiche: personale, produzione,

commercio, marketing, amministrazione, finanza, ricerca e sviluppo

questi comportamenti identificano la reale capacità dell’azienda di

rispondere coerentemente alle esigenze sia del suo mercato sia della

collettività in generale

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 47

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Produzione e distribuzione del valore aggiunto

Rappresenta la parte contabile del bilancio sociale

L’inserimento di dati provenienti dalle scritture contabili, derivati da

procedure standardizzate e rigidamente strutturate e che hanno il

supporto di una documentazione verificabile, accresce la credibilità

del bilancio sociale.

Il documento fornisce alcuni schemi per il calcolo e per la

distribuzione del valore aggiunto. I prospetti presentati sono due:

1. prospetto di determinazione del valore aggiunto

aggiunto, definito dalla

contrapposizione dei ricavi e dei costi intermedi;

2. prospetto di riparto del valore aggiunto

aggiunto, ricostruito come

sommatoria delle remunerazioni percepite dagli interlocutori interni

ed esterni all’azienda

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 48

Furlotti Katia 24

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Relazione sociale

Riferisce i rapporti tra l’azienda e i suoi interlocutori

dopo un breve richiamo all’identità, sono descritti quantitativamente

e qualitativamente i risultati prodotti per ogni singola categoria di

stakeholder permettendo di completare l’informazione sociale di

un’azienda e garantendo la possibilità ai lettori di concludere il

proprio giudizio sulla coerenza degli assunti di partenza con gli esiti

concreti dei comportamenti posti in essere.

La relazione può essere esposta in forma libera attraverso

misurazioni, comparazioni, descrizioni narrative, testimonianze,

pareri e quant’altro consenta all’azienda di descrivere il grado di

soddisfazione degli stakeholder.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 49

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Elementi essenziali:

impegni assunti, obiettivi e norme di comportamento scelte;

identificazione degli stakeholder;

dichiarazione delle politiche relative ad ogni categoria di stakeholder, dei

risultati attesi e della coerenza degli stessi con i valori dichiarati;

processo di formazione del bilancio sociale;

ordinata e completa esposizione dei fatti, delle informazioni quanti-

qualitative e dei dati utili a descrivere le relazioni tra assunti e risultati;

opinioni e i giudizi degli stakeholder (per rispetto al principio

dell’inclusione);

eventuali comparazioni delle proprie prestazioni con quelle dei migliori

concorrenti o delle aziende leader nei vari settori di mercato, realizzate

attraverso fonti ufficiali e pubbliche, che permettano al lettore di meglio

valutare le performance dell’azienda;

obiettivi di miglioramento per gli esercizi successivi;

eventuali pareri e giudizi di terze parti incaricate di verificare la qualità del

processo.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 50

Furlotti Katia 25

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Ultima parte della relazione sociale sezioni integrative

coinvolti attraverso le modalità definire principi e procedure per

Giudizi e le più opportune motivando le una rilevazione oggettiva e

opinioni degli forme di coinvolgimento scelte monitorabile delle informazioni

stakeholder apprese

chiamata a trarre conclusioni l’azienda offre proprie

Commenti e alle sintetiche riguardo quanto ha osservazioni valutando la

dichiarazioni realizzato, commentando e relazione fra esiti presentati,

dell’azienda apprezzando i risultati sociali valori e obiettivi enunciati

esposti e identificando gli obiettivi inizialmente e opinioni espresse

per l’esercizio successivo, fondati dal pubblico

sui dati espressi in quello attuale.

previsioni di miglioramento futuro riguardano la redazione del

Miglioramento che l’azienda intende perseguire documento e i contenuti e

del bilancio devono considerare i commenti

sociale e giudizi raccolti

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 51

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: GBS

Accanto agli standard, il GBS propone anche i

Documenti di Ricerca

che rappresentano spunti di riflessione in merito ad argomenti o

problematiche specifiche con l’obiettivo di approfondire gli aspetti

critici di un determinato argomento, alimentare il dibattito,

sollecitare il confronto fra opinioni diverse e costituire il punto di

partenza per ulteriori analisi e riflessioni che possono condurre alla

definizione di nuovi standard.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 52

Furlotti Katia 26

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: IBS

IBS

Istituto Europeo per il Bilancio Sociale

(R. Marziantonio – 1989)

Obiettivi

promuovere la ricerca scientifica e applicata verso lo studio delle

tematiche e dei problemi relativi al bilancio sociale;

statuire principi di redazione, studio, approfondimento e sviluppo

della cultura d’impresa e dei valori fondata sulla centralità della

persona..

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 53

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: IBS

Il risultato principale degli studi condotti dall’IBS è rappresentato dal

modello

“PROGRESS”

(Processo

Processo di Gestione Responsabile per lo sviluppo Sostenibile)

Sostenibile

modello di implementazione e controllo della responsabilità sociale

delle imprese.

Il modello attraversa tutto il percorso gestionale dell’attività aziendale, a

partire dall’assunzione di precisi valori di natura etica condivisi, sino alla

formulazione delle scelte di gestione, in un’ottica di compartecipazione e

corresponsabilità alle scelte stesse, attraverso il coinvolgimento sistematico

di tutti gli stakeholder.

Le varie fasi possono essere schematizzate in otto step fondamentali:

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 54

Furlotti Katia 27

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: IBS

1. istituzione di un costituito dai responsabili di ogni area

gruppo di lavoro

funzionale dell’impresa;

2. creazione di un che attraverso l’attribuzione delle rispettive

piano di lavoro

responsabilità, costituisca la base per procedere all’implementazione del

bilancio sociale; aziendale, seguita da

3. definizione e condivisione dei valori e della missione

una ridefinizione e declinazione delle strategie e delle politiche;

4. completa sia in termini qualitativi che quantitativi dello

rendicontazione

scambio sociale tra l’impresa e gli interlocutori di riferimento;

dei contenuti del bilancio sociale, del

5. armonizzazione approvazione

documento da parte del vertice aziendale e successiva della capacità

verifica

comunicativa dello stesso, attraverso il giudizio espresso da un campione

rappresentativo di stakeholder; per la determinazione degli obiettivi di

6. riflessione sulle fasi precedenti,

miglioramento per l’esercizio successivo;

7. verifica del documento ed eventualmente dell’intero processo da parte di un

soggetto esterno indipendente;

agli interlocutori interni ed esterni del

8. pubblicazione e presentazione

documento.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 55

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: IBS

L’intero Feedback da parte Migliorament

Predisposizione

processo si degli stakeholder o continuo

Bilancio sociale

Verifica del

compone di nuovo status

Revisione identità Decisione e impegno

diverse fasi Attivazione del

strategie e dell’alta dirigenza gruppo di lavoro

che possono politiche

essere Verifica dello

Avvio del piano di Trasferimento del status quo

miglioramento

articolate know-how di processo

ciclicamente in Pubblicazione Definizione/revisio

modo tale che ne di valori e

Verifica esterna missione

i risultati Aree di rendicontazione

raggiunti siano Definizione

il punto di Identificazioni degli indicatori

obiettivi di

miglioramento

partenza per i

futuri Raccolta delle

Feedback da informazioni

programmi di parte degli

stakeholder Prototipo del

miglioramento Primi interventi di Valutazione interna del Bilancio sociale

miglioramento prototipo

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 56

Furlotti Katia 28

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: IBS

Struttura:

Il modello IBS è costituito da cinque parti fondamentali che si rifanno

nella sostanza alla proposta del GBS:

1. identità aziendale;

2. rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto);

3. relazione sociale (relazione di scambio sociale);

4. sistema di rilevazione;

5. proposta di miglioramento.

Il tutto è preceduto da una premessa metodologica e seguito da una

attestazione di conformità procedurale, fatta da una terza parte

indipendente.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 57

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: PROGETTO Q-RES

Progetto Q-Res

Verso uno standard di Qualità della Responsabilità Etico Sociale d’Impresa

(Centre for Ethics, Law and Economics, CELE - 1999)

realizzato in collaborazione con un gruppo di imprese, associazioni

professionali, società di consulenza e organizzazioni non profit

Obiettivo

Definire un insieme coerente e completo di strumenti per introdurre

l’etica nell’impresa, definendo al contempo criteri di eccellenza per

un management di qualità rispetto alla responsabilità etica e sociale

d’impresa.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 58

Furlotti Katia 29

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: PROGETTO Q-RES

Il progetto si è sviluppato in diverse fasi:

1999 al 2001:

analisi della responsabilità sociale ed etica adottata da un campione di

aziende facenti parte del progetto e ricerca empirica sugli strumenti di

responsabilità etico-sociale utilizzati dalle stesse;

attività di sensibilizzazione e promozione sul tema della RSI presso aziende,

imprese cooperative e associazioni;

costituzione del per la definizione degli strumenti di RSI e delle

Tavolo Q-RES

modalità per la loro introduzione nelle imprese;

esame e discussione degli standard e delle linee guida, in materia di RSI,

esistenti in Italia e a livello internazionale;

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 59

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: PROGETTO Q-RES

2001 al 2003:

promozione e diffusione delle linee guida realizzate e analisi sul campo degli

strumenti di RSI adottati dalle aziende partecipanti al progetto e avvio di

alcuni progetti pilota

collaborazioni internazionali (ad esempio con AccountAbility)

progetto di ricerca “Developing a CSR Framework to integrate Q-RES and

finalizzato alla definizione di un framework comune

other ethical standards”,

per l’integrazione di diversi sistemi di gestione etico-sociale.

nell’ambito del Tavolo Q-RES:

Gruppo Promotore, che si occupa delle attività di comunicazione e

diffusione delle linee guida e dei rapporti istituzionali del progetto

Gruppo Normatore, responsabile dell’attività di ricerca per la

trasformazione delle “Linee Guida Q-RES” in una norma certificabile,

nonché dei rapporti con i diversi organismi di certificazione

2003-2004:

organizzazione di incontri per discutere l’evoluzione degli strumenti proposti

nel modello Q-RES, alla luce dei progetti pilota attuate

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 60

Furlotti Katia 30

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: PROGETTO Q-RES

Il modello proposto dalle Linee Guida Q-RES per il management

del 2001, individua sei strumenti per la gestione della qualità etico

e sociale.

Il documento si compone di due parti più una terza in forma di

appendice:

Prima parte:

introduzione al progetto, in cui sono delineate finalità e fasi del piano di

lavoro ipotizzato;

argomentazioni a sostegno dell’approccio etico alla attività economica

dell’impresa, monitorando anche brevemente il livello di diffusione dei

codici etici nelle imprese;

descrizione del modello Q-RES per la gestione della qualità etico e sociale,

con l’introduzione di sei strumenti, specificando per ognuno scopo e

ragioni di rilevanza e lo stato dell’arte, le best practise o i modelli di

riferimento al momento esistenti

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 61

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: PROGETTO Q-RES

Seconda parte:

Viene presentato per ognuno degli strumenti individuati uno specifico

capitolo: definizione e funzione dello strumento, contenuto, metodologia

di sviluppo, procedure per l’implementazione in azienda, competenze e

responsabilità dei soggetti a cui spetta l’attuazione, responsabilità

operative di coloro che devono occuparsi dei singoli strumenti e

competenze loro richieste, evidenze per la verifica, intese come gli

elementi osservabili e accertabili per procedere a una verifica di qualità

dello strumento, criteri di eccellenza, ovvero la sintesi dei criteri che

individuano la qualità dello strumento

Terza parte:

Appendice: sono offerti alcuni riferimenti di modelli esistenti di

rendicontazione, studiando anche di effettuare una breve analisi

comparativa degli stessi.

Questa articolazione, declinata per ognuno degli strumenti

proposti nel modello, offre una chiara e ampia gamma di

riferimenti per gli utilizzatori.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 62

Furlotti Katia 31

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali A.A. 2011/2012

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: PROGETTO Q-RES

Strumenti del modello Q-RES (2001)

Rappresenta l’identificazione dei criteri di bilanciamento tra i diversi diritti e le varie aspettative

Visione etica degli stakeholder definendo, in un quadro unitario, la missione e i valori dell’organizzazione.

d’impresa Enuncia l’insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità dell’organizzazione nei confronti di

tutti i suoi stakeholder, attraverso la definizione di principi e norme di comportamento orientano i

Codice etico comportamenti.

Rappresenta l’insieme delle attività che, attraverso strumenti concettuali filosofici, economici,

giuridici e organizzativi, sviluppano e adeguano nel tempo la condivisione dei valori e dei principi

Formazione etica contenuti nel codice etico, favorendo l’introduzione dei diversi strumenti di responsabilità etica e

sociale ed esortando i decisori ad applicare i principi etici condivisi.

Rappresentano la soluzione organizzativo-strutturale per il sostegno, il miglioramento e il controllo

Sistemi della performance etica, attraverso l’allineamento delle strategie, delle politiche e degli obiettivi

organizzativi di aziendali con i valori e i principi etici condivisi

attuazione e

controllo Comunica agli stakeholder il valore etico e sociale realizzato dall’impresa attraverso la

predisposizione di un sistema di misurazione e di raccolta sistematica, attraverso l’organizzazione e

la comunicazione dei dati relativi all’impatto delle attività sul benessere dei vari stakeholder, la

valutazione della coerenza fra i risultati conseguiti e gli obiettivi derivanti dalla missione, dai valori

Rendicontazione e dal codice etico, nonché il rilevamento, tramite il dialogo con gli stakeholder, del grado di

soddisfazione o insoddisfazione in merito alla corrispondenza fra le loro aspettative e gli obiettivi e

i risultati delle attività dell’organizzazione.

È l’attività svolta da un organismo terzo per accertare la conformità degli strumenti di

Verifica esterna responsabilità etica e sociale adottati ed attuati dall’organizzazione ai criteri di eccellenza stabiliti

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 63

RSI E RENDICONTAZIONE SOCIALE: IBS

L’evoluzione più recente delle linee guida Q-RES:

Standard Q-RES per il miglioramento delle prestazioni etico-sociali

è più una norma di riferimento per la certificazione della

responsabilità sociale, piuttosto che un manuale di implementazione.

Il nuovo modello si compone di due parti fondamentali:

1. “Il modello e gli strumenti Q-RES di gestione strategica per la

responsabilità etico sociale delle organizzazioni”

2. “Il Sistema di gestione dell’organizzazione ai fini della

responsabilità etico-sociale”

Il nuovo standard non differisce in modo sostanziale dalle proposte

delle linee guida del 2001, sia per argomenti, sia per metodologie

consigliate.

Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali 64

Furlotti Katia 32


PAGINE

35

PESO

2.18 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

L'appunto analizza gli strumenti della Responsabilità sociale di impresa secondo gli standard nazionali ed internazionali. Nello specifico i temi analizzati sono: 1) Il contesto internazionale
2) La strategia dell’Unione Europea
3) Il contesto nazionale
Infine viene dedicato un apposito paragrafo sulle tecniche di non discriminazione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e management
SSD:
Università: Parma - Unipr
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Parma - Unipr o del prof Furlotti Katia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia dei gruppi e delle concentrazioni aziendali

Aggregazioni aziendali - Fondamenti economici
Dispensa
Gruppi aziendali - Cenni introduttivi
Dispensa
Goverance dei gruppi aziendali
Dispensa
Gruppi aziendali
Dispensa